Paul Cayard

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Curly Brackets.svg
A questa voce o sezione va aggiunto il template sinottico {{Sportivo}}
Per favore, aggiungi e riempi opportunamente il template e poi rimuovi questo avviso.
Per le altre pagine a cui aggiungere questo template, vedi la relativa categoria.
Paul Cayard

Paul Pierre Cayard (San Francisco, 19 maggio 1959) è un velista statunitense.

In Italia è noto soprattutto per avere timonato Il Moro di Venezia nell'America's Cup del 1992. Il sindacato, sostenuto dalla Montedison di Raul Gardini, giunse fino alla Finale, disputata a San Diego (California), nella quale fu sconfitto da America³ del magnate statunitense Bill Koch.

Nel 1995 è stato timoniere di Stars and Stripes di Dennis Conner, opposto a Team New Zealand, che riesce ad aggiudicarsi il Trofeo.

Successivamente partecipa alla Whitbread, vincendo. Ciò gli consente di trovare gli sponsor che gli permettono di partecipare nel 1999/2000 alla Louis Vuitton Cup con America One, giungendo sino alla finale persa per 5-4 contro Luna Rossa.

Nel 2007, Paul Cayard e Russell Coutts annunciano il lancio della World Sailing League che si annuncia come la più importante competizione velica per catamarani a livello mondiale e che punta ambiziosamente ad una concorrenza con l'America's Cup. Al team vincitore della World Sailing League verrà corrisposto un consistente premio in danaro pari a 2 milioni di dollari statunitensi. Venti equipaggi, che rappresenteranno altrettante nazioni, si sfideranno. Cayard e Coutts, secondo le loro stesse dichiarazioni, saranno non solo organizzatori ma anche skipper impegnati in gara.

Ha partecipato come commentatore tecnico per la trasmissione Forza Sette, dedicata allo svolgimento della Coppa America, in onda sulla rete televisiva La7.

Da novembre 2007 è direttore sportivo del team Desafio Espanol. Nel 2011 gareggia con un rc 44 chiamato Katusha.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]