Patricia Hitchcock

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Patricia Hitchcock in L'altro uomo (1951)

Patricia Hitchcock (Londra, 7 luglio 1928) è un'attrice e produttrice cinematografica britannica, figlia di Alfred Hitchcock e Alma Reville.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

La sua famiglia si trasferì a Los Angeles nel marzo 1939.

Fin da bambina, Patricia, voleva diventare un'attrice. Negli anni 40 divenne un'attrice teatrale. Recitò nelle opere teatrali Solitaire (1942) e Violet (1944).

Dopo essersi diplomata alla Marymount High School a Los Angeles nel 1947, frequentò la Royal Academy of Dramatic Art. Ebbe piccole parti in tre film di suo padre: Paura in palcoscenico (1950) in cui interpretava Chubby Bannister; L'altro uomo (1951) in cui interpretava Barbara Morton, futura cognata di Guy Haines (Farley Granger), e Psycho (1960) in cui interpretava Caroline.

Pat Hitchcock recitò anche nel film di Jean Negulesco Un monello alla corte d'Inghilterra (1950) e nel film di DeMille I dieci comandamenti.

Sposò Joseph E. O'Connell Jr. il 17 gennaio 1952, alla Our Lady Chapel nella St. Patrick's Cathedral a New York. Decisero di sposarsi lì perché Pat aveva molti amici nella costa orientale e Joe aveva dei parenti a Boston. Pat e Joe O'Connell ebbero tre figlie, Mary Alma Stone (nata il 17 aprile 1953), Teresa "Tere" Carrubba (nata il 2 luglio 1954) e Kathleen "Katie" Fiala (nata il 27 febbraio 1959).

Apparve in dieci episodi del programma televisivo di suo padre Alfred Hitchcock Presents e in un episodio del telefilm Playhouse 90 diretto da John Frankenheimer. Abbandonò la sua carriera di attrice per prendersi cura delle figlie.

Pat fu anche produttore esecutivo del documentario The Man on Lincoln's Nose (2000) che parla di Robert F. Boyle e dei suoi contributi al cinema. Nel 2003 pubblicò il libro Alma Hitchcock: The Woman Behind the Man scritto insieme a Laurent Bouzereau. Patricia e Joseph O'Connell vivono attualmente a Solvang, California.

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Attrice[modifica | modifica sorgente]

Doppiatrici italiane[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 36486109 LCCN: no92029633