Patriarcato di Antiochia dei maroniti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Patriarcato di Antiochia dei maroniti
Patriarchatus antiochenus maronitarum
Chiesa maronita
Bkerke.jpg
Patriarca cardinale Béchara Boutros Raï, O.M.M.
Ausiliari Antoine Nabil Andari,
Francis Némé Baïssari,
Guy-Paul Noujaim,
Hanna Alwan, C.M.L.,
Joseph Mouawad
Patriarchi emeriti cardinale Nasrallah Pierre Sfeir
Rito maronita
Sito web www.bkerkelb.org
Dati dall'Annuario Pontificio 2005 * *
Chiesa cattolica in Libano
La residenza patriarcale estiva di Dimane

Il patriarcato di Antiochia dei maroniti (in latino: patriarchatus Antiochenus maronitarum) è la sede del patriarca della Chiesa maronita. È attualmente retta dal patriarca cardinale Béchara Boutros Raï, O.M.M.

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Il patriarcato estende la sua giurisdizione su tutti i fedeli maroniti ovunque essi abitino.

La sede del patriarcato si trova a Bkerké nel distretto di Kisrawan in Libano; a Dimane (nel distretto di Bsharre) si trova la residenza estiva. L'eparchia di Joubbé, Sarba e Jounieh è l'eparchia propria del patriarca.

Dal patriarcato di Antiochia dei maroniti inoltre dipendono direttamente:[1]

Il patriarca maronita è membro di diritto del Consiglio dei patriarchi cattolici d'Oriente.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Patriarcato di Antiochia e Chiesa maronita.

Cronotassi dei patriarchi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Annuario pontificio 2010, p. 5.
  2. ^ Data dell'elezione. A causa della sua morte prematura, non poté essere confermato dalla Santa Sede. Tuttavia papa Pio VI, nel concistoro del 27 giugno 1796 volle che il suo nome apparisse nella lista dei Patriarchi maroniti.
  3. ^ Data dell'elezione. Fu confermato dalla Santa Sede il 27 giugno 1796, ma El-Gemayel era già morto due mesi prima.
  4. ^ Eletto dal clero e dal popolo maronita l'8 giugno 1809. A causa delle difficoltà in cui versava la Sede Apostolica, la conferma della sua elezione avvenne cinque anni dopo.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

diocesi Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi