Patlabor (OAV)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Patlabor
OAV
Titolo orig. 機動警察パトレイバー
(Kidō keisatsu Patoreibā)
Lingua orig. giapponese
Paese Giappone
Autore Headgear
Regia
Soggetto Masami Yuki
Sceneggiatura Kazunori Ito
Character design Akemi Takada
Mecha design Yutaka Izubuchi
Animazione
Dir. artistica Hiromasa Ogura
Studio
Musiche Kenji Kawai
1ª edizione 1988
Episodi 7 (completa)
Durata ep. 30 min
1ª edizione it. 1994
Episodi it. 7 (completa)
Generi commedia, mecha
Patlabor New OAV
OAV
Titolo orig. 機動警察パトレイバー
(Kidō keisatsu Patlabor)
Autore Headgear
Regia
Soggetto Masami Yuki
Sceneggiatura Kazunori Ito
Character design Akemi Takada
Mecha design Yutaka Izubuchi
Animazione
Dir. artistica
Studio
Musiche Kenji Kawai
1ª edizione 22 novembre 1990 – 23 aprile 1992
Episodi 16 (completa)
Durata ep. 25 min
1ª edizione it. 1994
Episodi it. 16 (completa)
Generi commedia, mecha

Patlabor (機動警察パトレイバー Kidō keisatsu Patlabor?) è una doppia serie di OAV, appartenenti alla saga di Patlabor creata dal gruppo Headgear.

La prima serie OAV[modifica | modifica sorgente]

Quasi in contemporanea con l'inizio della pubblicazione settimanale del manga, il 25 aprile 1988 esce la prima VHS della serie OAV, composta da sette episodi (inizialmente ne erano previsti sei), pubblicati nell'arco di oltre un anno. In questa serie viene proposta la nascita della Seconda Sezione, seguita da altri episodi, alcuni comici, altri dai toni più drammatici, che vedono i protagonisti impegnati in missione.
Il lavoro di sceneggiatura di questa serie è sostanzialmente una bozza, soprattutto se paragonato al manga: effettivamente lo scopo di questi OAV non era tanto creare un'opera completa, quanto sondare la risposta del pubblico ad una versione animata in previsione della realizzazione di una più complessa serie televisiva. Da questo "calderone di idee" in ogni caso verranno ripresi alcuni spunti per la realizzazione di alcuni episodi della nuova serie e per due dei tre film.

La seconda serie OAV[modifica | modifica sorgente]

Uscita fra il 22 novembre 1990 e il 23 aprile 1992, dopo la serie TV ed il primo film, la seconda serie OAV di 16 episodi, nota anche come New OAV, si propone nella prima parte come un sequel della serie televisiva, dando una conclusione alla vicenda del Griffon, lasciata in sospeso. Gli altri episodi invece sono di stampo principalmente umoristico, e si incentrano sulla vita quotidiana della Seconda Sezione mostrando occasionalmente delle operazioni in cui è coinvolta la squadra.

Edizione italiana[modifica | modifica sorgente]

Le due serie OAV sono state le prime a giungere in Italia, nel 1994, importate dalla Yamato Video e pubblicate in VHS, oltre ad essere state le uniche trasmesse in televisione (Italia 7, 1998). Per le prime messe in onda è stata utilizzata la sigla Patlabor, composta sulla base della prima sigla originale della serie televisiva, Sono mama no kimi de ite, e cantata da Stefano Bersola. Nelle repliche seguenti è stata rimpiazzata dalle sigle originali giapponesi.
Nel 2006 le due serie sono state ripubblicate sempre dalla Yamato Video in DVD insieme alla serie televisiva. Dal 19 settembre 2013 vengono pubblicate per lo streaming su internet sul canale di YouTube Yamato Animation.

Titoli degli episodi[modifica | modifica sorgente]

Prima serie OAV[modifica | modifica sorgente]

  1. Intervento per il secondo plotone
    (第2小隊出動せよ!? Second Unit, Move Out!)
  2. Longshot
    (ロングショット? Longshot)
  3. Una trappola da 450 milioni di anni
    (4億5千万年の罠? The 450 Million-Year-Old Trap)
  4. Il dramma di L[1]
    (Lの悲劇? L's tragedy)
  5. Il giorno più lungo, parte 1
    (二課の一番長い日(前編)? SV 2's longest day Part.1)
  6. Il giorno più lungo, parte 2
    (二課の一番長い日(後編)? SV 2's longest day Part.2)
  7. Squadra veicoli speciali, andate verso nord
    (特車隊、北へ!? SV 2, to the North!)

Sigla di apertura:

  • 未来派 Lovers ( Miraiha Lovers?, "Amanti del futurismo"), di Hiroko Kasahara (ep. 1-6)

L'episodio 7 è senza sigle. Nessun episodio ha una sigla di chiusura.

Seconda serie OAV[modifica | modifica sorgente]

  1. Il ritorno del Griffon
    (グリフォン復活? Griffon Ressurected)
  2. Una giornata disastrosa
    (災厄の日? A Miserable Day)
  3. Shaft al contrattacco[2]
    (逆襲のシャフト!? SCHAFT's Counterattack)
  4. 90% di audience
    (視聴率90%? Viewer Rate 90%)
  5. Il più grande duello della storia
    (史上最大の決戦? The Greatest Showdown in History)
  6. Tre stelle nere[3]
    (黒い三連星? Black Trinary)
  7. Game over
    (GAME OVER? Game Over)
  8. Sette giorni di fuoco
    (火の七日間? Seven Days of Fire)
  9. VS (Versus)
    (VS? Versus)
  10. Amnesia
    (その名はアムネジア? It's Called Amnesia)
  11. Goma che arrivò in un giorno di pioggia
    (雨の日に来たゴマ? Goma who Came with the Rain)
  12. Karuizawa per due
    (二人の軽井沢? Our Karuizawa)
  13. Ancora nei sotterranei
    (ダンジョン再び? The Dungeon Again)
  14. Rondò nella neve
    (雪のロンド? Snow Rondo)
  15. La ragazza venuta dalle stelle[4]
    (星から来た女? Woman who came from the Stars)
  16. Secondo plotone, nulla da segnalare
    (第二小隊異常なし? All Quiet in the Second Unit)
  • NOTA: nella versione italiana l'ordine cronologico dei primi 7 OAV della seconda serie è errato. Quello corretto è: 1 - 3 - 5 - 7 - 2 - 4 - 6.

Sigle di apertura:

  • コンディション・グリーン~緊急発進~ ( Condition Green ~Kinkyō hasshin~?, "Condition Green - Partenza d'emergenza"), di Hiroko Kasahara (ep. 1-5)
  • 守りたいの ( Mamoritai no?, "Ti voglio proteggere"), di Miina Tominaga (ep. 6-9)
  • YOU ARE THE ONE, di DAIZO (ep. 10-13)
  • IDLING For YOU, di Norihiko Tanimoto (eps. 14-16)

Sigle di chiusura:

  • パラダイスの確率 ( Paradise no kakuritsu?, "Possibilità di Paradiso"), di JA JA (ep. 1-4)
  • マイペース~MyWayMyPace~ (MY PACE ~MY WAY MY PACE~?), di Miina Tominaga (ep. 5-9)
  • 100カラットの未来 ( Hyaku karatto no mirai?), di Hyoudou Mako (ep. 10-13)
  • LONG SILENCE, di DYNAMITE SHIGE (ep. 14-16)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ In un passaggio di questo episodio il capitano Goto così si rivolge ai membri del secondo plotone: «E non pensate che al comando dei Labor, potete agire come Mazinga e Jeeg Robot dei cartoni animati».
  2. ^ Il titolo dell'episodio Shaft al contrattacco è un omaggio al mondo di Gundam: il titolo in giapponese, "Gyakushuu no Schaft", suona molto simile al titolo originale del film "Gyakushuu no Char" (Mobile Suit Gundam: Char's Counterattack).
  3. ^ L'episodio Tre stelle nere è un altro omaggio alla serie Mobile Suit Gundam: il suo titolo infatti richiama i Black Tri-Stars, i tre assi dell'esercito di Zeon.
  4. ^ Il quindicesimo episodio, La ragazza venuta dalle stelle, è una parodia dell'ultimo episodio della serie Ultraman, con tanto di invasori alieni con le sembianze di Utsumi ed il mostro finale con un aspetto che ricorda molto il Griffon.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

anime e manga Portale Anime e manga: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di anime e manga