Patata cannellina nera

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
PATATA CANNELLINA NERA
Cannellina Nera.png
Origini
Luogo d'origine Italia Italia
Regione Liguria
Zona di produzione Appennino ligure
Dettagli
Categoria ortofrutticolo
Riconoscimento P.A.T.
Settore Prodotti vegetali allo stato naturale o trasformati
 

La patata Cannellina nera è una varietà di patata coltivata sull'Appennino Ligure.

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

  • Forma del tubero: di forma irregolare e allungata;
  • Pezzatura:
  • Buccia: mostra delle macchie viola, il colore predominante resta il cuoio;
  • Pasta: di colore bianco, non farinosa a granulosità media
  • Germoglio: il colore varia da viola scuro a nero;
  • Fiore: mostra internamente un colore rosso-violetto,
  • Maturazione: semi-tardiva
  • Categoria culinaria: A (patata resistente alla scottura).

Origine[modifica | modifica sorgente]

Il termine cannellina proviene dalla sua caratteristica forma allungata mentre il resto del nome si riferisce al colore del germoglio.

Ricorda la varietà Vitellotte e alcune alcune varietà della subspecie Andigena di Solanum tuberosum originarie del Cile.

Nei primi decenni del XX secolo la Cannellina Nera era diffusa nelle valli di Chiavari, Lavagna e val Trebbia. Viene conservata e promossa dal Consorzio della Quarantina.

Sinonimi[modifica | modifica sorgente]

  • Canelin-a,
  • Cannellina,
  • Néigra,
  • Salamùn-a.

Utilizzi[modifica | modifica sorgente]

Viene utilizzata in cucina come contorno per gli stracotti o in insalata.

Feste[modifica | modifica sorgente]

  • Roccatagliata (valle Fontanabuona), penultima domenica di agosto: Sagra della patata.
  • Còsola (val Borbera), prima domenica di settembre: Festa della Quarantina.
  • Scoffera (val Bisagno), seconda domenica di settembre: Festival della Cannellina.
  • Rovegno (val Trebbia), prima domenica di ottobre: Sagra della patata e festa della Quarantina.

Varietà di patata tradizionali della Liguria[modifica | modifica sorgente]

Fonti[modifica | modifica sorgente]

  • Massimo Angelini, La Quarantina Bianca e le patate tradizionali della Montagna Genovese, Consorzio della Quarantina, Genova 2001
  • Massimo Angelini, Le patate della tradizione rurale sull'Appennino ligure, Grafica Piemme, Chiavari 2008.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]