Past, Present and Future (Al Stewart)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Past, Present and Future
Artista Al Stewart
Tipo album Studio
Pubblicazione 1973
Durata 42 min : 39 s
Dischi 1
Tracce 8
Genere Rock
Pop
Folk
Etichetta Janus Records (USA), CBS (GB)
Produttore John Anthony
Registrazione Trident Sound Studios
Al Stewart - cronologia
Album precedente
(1972)
Album successivo
(1975)

Past, Present and Future è un album di Al Stewart del 1973

Disco[modifica | modifica sorgente]

Past, Present and Future può essere considerato il disco della svolta. In questo album il cantautore scozzese abbandona argomenti personali – più o meno biografici – per affrontare temi più complessi legati alla Storia della nostra civiltà. Nei progetti iniziali di Stewart il disco avrebbe dovuto essere composto da canzoni ognuna delle quali riguardante una decade del '900. Le cose sono andate diversamente comunque è indubbio quanto la Storia, in questo disco, rivesta un ruolo preponderante.

Roads To Moscow, The last day of June 1934, Post World War Two Blues hanno come ambientazione il nazismo e la seconda guerra mondiale.

Nostradamus è basato sul libro di Erika Cheetham The Centuries of Nostradamus pubblicato nel 1973.

Warren Harding è sul 29º presidente USA.

Old Admirals è liberamente basata sulla vita dell’Ammiraglio della Flotta inglese Lord Fisher

Soho (needless to say) diventerà un cavallo di battaglia del repertorio di Stewart.

Negli USA, dove esce qualche mese dopo rispetto alla Gran Bretagna e con diversa copertina, Past, Present and Future ottiene un buon successo (pur fermandosi solo al 133 posto della classifica), mentre nella madrepatria il disco viene considerato troppo ambizioso.

Tracce[modifica | modifica sorgente]

Tutte le canzoni scritte da Al Stewart.

  1. Old Admirals – 5:55
  2. Warren Harding – 2:39
  3. Soho (needless to say) – 3:51
  4. The last day of June 1934 – 4:47
  5. Post World War Two Blues – 4:16
  6. Roads to Moscow – 8:00
  7. Terminal Eyes – 3:21
  8. Nostradamus – 9:50

Musicisti[modifica | modifica sorgente]

  • Al Stewart – voce, chitarra acustica
  • Peter Berryman – chitarra acustica
  • Isaac Guillory – chitarra acustica, chitarra spagnola
  • Tim Renwick – chitarra elettrica
  • B. J. Colesteel guitar
  • Bruce Thomas – basso
  • Brian Odgers– basso
  • John Wilson – batteria
  • Rick Wakeman – tastiere
  • Peter Woods – tastiere, piano, fisarmonica
  • Tim Hinkley – tastiere
  • Bob Andrews – tastiere
  • Bob Sargeant – tastiere
  • Alistair Anderson – concertina inglese
  • Dave Swarbrickmandolino
  • Haim Romano – mandolino
  • Luciano Bravo – steel band
  • Lennox James – steel band
  • Michael Olivier – steel band
  • Frank Ricotti – percussioni
  • Roger Meddows-Taylor – percussioni
  • Francis Monkman – sintetizzatore moog
  • Krysia Kocjan – coro
  • John Donelly – coro
  • Mick Welton – coro
  • Kevin Powers – coro
  • Richard Hewson – arrangiamenti archi e ottoni