Passo del Vivione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Passo del Vivione
Passo del Vivione.jpg
Passo del Vivione
Stato Italia Italia
Regione Lombardia Lombardia
Provincia Bergamo Bergamo
Località collegate Valle di Scalve
Valle di Paisco
Altitudine 1.828 m s.l.m.
Coordinate 46°02′11.76″N 10°11′58.56″E / 46.0366°N 10.1996°E46.0366; 10.1996Coordinate: 46°02′11.76″N 10°11′58.56″E / 46.0366°N 10.1996°E46.0366; 10.1996
Infrastruttura Strada Statale 294 Italia.svg della Valle di Scalve
Costruzione del collegamento 1866
Pendenza massima 12%
Lunghezza 32 km
Chiusura invernale ottobre-maggio 
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Passo del Vivione

Il passo del Vivione è un valico alpino a quota 1.828 m s.l.m. che collega due valli secondarie della val Camonica: la valle di Scalve e la val Paisco. Il passo si trova interamente nel territorio della provincia di Bergamo.

Il passo si trova nelle Alpi e Prealpi Bergamasche e dal punto di vista orografico separa le Alpi Orobie a nord dalle Prealpi Bergamasche a sud.

La carrozzabile che raggiunge il passo (la strada statale 294) è estremamente stretta in buona parte del percorso e viene generalmente aperta al traffico automobilistico solo durante i mesi estivi, quando viene percorsa soprattutto dai turisti che trascorrono le vacanze in Val di Scalve, specialmente a Schilpario.

La salita del versante settentrionale, ossia quello bresciano, del passo del Vivione è stata affrontata nella 19a e penultima tappa (Bormio-Presolana) del Giro d'Italia del 2004. Gilberto Simoni si impose al Gran Premio della Montagna davanti a Stefano Garzelli. In precedenza il Giro d'Italia era transitato un'unica volta dal passo del Vivione, nella 18a tappa (Borno-Dimaro Val di Sole) dell'edizione del 1981, quando la salita fu affrontata dal versante scalvino.

Descrizione tecnica[modifica | modifica sorgente]

Partendo dalla val di Scalve la salita si presenta regolare e con un panorama incantevole sul pizzo Camino e sul cimone della Bagozza per 12 km ed un dislivello di 728 m (partendo da Schilpario).

La strada percorre inizialmente una pineta che occupa il fondovalle, ma poco dopo la località di Cimalbosco e la chiesetta di Santa Barbara vi sono diversi tornanti, preludio agli ultimi chilometri, dove la carreggiata è esposta e stretta ma il manto stradale è ottimo.

Il versante camuno misura 20 km (partenza da Forno Allione, quota 440 m s.l.m.); la salita si snoda per i primi 15 km nel bosco attraversando antichi borghi con pendenza sempre costante fra il 6 e l'8%. Gli ultimi chilometri sono i più panoramici ma anche i più difficoltosi, con pendenza costante del 12%. La tranquillità della zona la rende uno dei più suggestivi valichi alpini.

Galleria fotografica[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]