Passer luteus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Passero dorato
Passer luteus 2.jpg
Passer luteus
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Tetrapoda
Classe Aves
Sottoclasse Neornithes
Superordine Neognathae
Ordine Passeriformes
Sottordine Oscines
Infraordine Passerida
Superfamiglia Passeroidea
Famiglia Passeridae
Genere Passer
Specie P. luteus
Nomenclatura binomiale
Passer luteus
(Lichtenstein, 1823)
Sinonimi

Fringilla luteus
Lichtenstein, 1823

Nomi comuni

Passera dorata
Passero dorato del Sudan

Il passero dorato o passero dorato del Sudan (Passer luteus (Lichtenstein, 1823))[2] è un uccello passeriforme appartenente alla famiglia Passeridae, diffuso in Africa.[3]

Nell' allevamento la specie viene anche denominata "passero dorato canterino" a causa del suo bizzarro richiamo di base, simile a un canto.[senza fonte]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta di un passero piuttosto piccolo, che può raggiungere al massimo i 15 cm di lunghezza e 450 g di peso, con un'apertura alare di circa 7 cm. Il maschio presenta una testa giallastra e un corpo marroncino; nella stagione riproduttiva i colori del maschio risaltano ancora di più: le ali subiscono un forte cambiamento e diventano nere. Le femmine invece hanno un colore simile alla sabbia, una schiena con diverse striature castane ed una leggera sfumatura sulle parti inferiori. Gli individui giovani, (circa 10-12 mesi) somigliano molto alle femmine, ma quando raggiungono i 2-3 anni di età iniziano ad assumere una tinta ocra o gialla.[senza fonte]

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Passer luteus è presente in un areale molto esteso, che comprende l'Africa occidentale, centrale e nord-orientale (Mauritania, Senegal, Gambia, Mali, Burkina Faso, Niger, Nigeria, Camerun, Ciad, Egitto, Sudan, Sudan del Sud, Eritrea ed Etiopia).[1][3]

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Voce[modifica | modifica wikitesto]

Il richiamo base di questa specie è un "chirp" o "tchirrup", segnalato in molte altre specie di passeri.[senza fonte]

Comportamento[modifica | modifica wikitesto]

Talvolta tende a formare stormi con membri di altre specie, che possono contare fino a 65.000 individui. I nidi vengono costruiti con foglie e frammenti di arbusti.[senza fonte]

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Si nutre di semi, vermi, insetti e pesciolini.[senza fonte]

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

La specie più affine è il passero dorato arabico (Passer euchlorus (Bonaparte, 1850)), tanto che in passato i due taxa venivano considerati un'unica specie.[3]

Sottospecie[modifica | modifica wikitesto]

Non sono state individuate sottospecie.[3]

Sinonimi[modifica | modifica wikitesto]

È noto un solo sinonimo:

  • Fringilla luteus Lichtenstein, 1823[2]

Conservazione[modifica | modifica wikitesto]

Questo passeriforme possiede un areale molto ampio, tanto da non presentare le caratteristiche necessarie per poter definire una reale vulnerabilità della specie. Inoltre, da studi effettuati, sembra che la popolazione sia stabile, seppure non del tutto numericamente definita. Per queste ragioni, la Lista rossa IUCN ha attribuito a questo taxon lo status "LC" (rischio minimo).[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) BirdLife International 2012, Passer luteus in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.
  2. ^ a b Lichtenstein, M., Verzeichnis der Doubletten des Zoologischen Museums der Koeniglichen Universität zu Berlin, 1823, p.24.
  3. ^ a b c d (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Family Passeridae in IOC World Bird Names (ver 4.2), International Ornithologists’ Union, 2014. URL consultato il 9 maggio 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Clement, P., Harris, A., Davis, J., Finches and sparrows, Londra, Christopher Helm, 1999.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Passer luteus in Avibase - il database degli uccelli nel mondo, Bird Studies Canada.