Passer

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Passer (uccello))
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il fiume che attraversa la provincia di Bolzano, vedi Passirio.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Passeri
Passer domesticus NBII.jpg
Passero domestico
(Passer domesticus)
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Classe Aves
Sottoclasse Neornithes
Superordine Neognathae
Ordine Passeriformes
Sottordine Oscines
Infraordine Passerida
Superfamiglia Passeroidea
Famiglia Passeridae
Genere Passer
Brisson, 1760
Specie
  • vedi testo

Passer Brisson, 1760 è un genere di uccelli passeriformi della famiglia Passeridae.

Tassonomia[modifica | modifica sorgente]

Il genere Passer comprende le seguenti specie:[1]

Conservazione[modifica | modifica sorgente]

Nel 2006 BirdLife International ha svolto un'indagine sulla popolazione dei passeri in Gran Bretagna. La ricerca ha rilevato che negli ultimi 30 anni c'è stata una diminuzione del 50% del numero totale dei passeri.[2] Nello stesso anno, in Italia la Lipu, in collaborazione con il Centro italiano studi ornitologici, ha avviato la campagna S.O.S. Passeri per monitorare la popolazione dei passeri anche in Italia: i dati rilevati concordano con quelli analizzati da Birdlife. Alcuni esempi:

  • A Livorno, si è riscontrata la diminuzione della popolazione di Passer italiae del 53,6% e del Passer montanus del 42,2%.
  • A Firenze, la popolazione di Passer italiae è calata del 20%, quella del Passer montanus del 45%.
  • A Roma la diminuzione della popolazione si attesta tra il 60 e l'80%, in linea con i dati delle altre capitali europee.
  • Nel Nord dell'Italia la diminuzione è del 50%, in particolare nelle aree rurali il calo è stato del 27% per il Passer italiae, del 38% per il Passer montanus e del 38% per il Passer hispaniolensis.

Le cause principali ipotizzate sono l'inquinamento atmosferico, l'uso eccessivo dei fitofarmaci e l'espansione urbanistica, nonché l'accumulo di metalli pesanti e altre sostanze chimiche negli uccelli.[3]

Attualmente (maggio 2009) il monitoraggio è ancora in corso.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Family Passeridae in IOC World Bird Names (ver 4.2), International Ornithologists’ Union, 2014. URL consultato il 9 maggio 2014.
  2. ^ www.lipu.it
  3. ^ Sos passeri di Barbara Lomonaco, in www.lanuovaecologia.it, 27 marzo 2009

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

uccelli Portale Uccelli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di uccelli