Pasquale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Pasquale (disambigua).

Pasquale è un nome proprio di persona italiano maschile[1][2].

Varianti[modifica | modifica sorgente]

Varianti in altre lingue[modifica | modifica sorgente]

Origine e diffusione[modifica | modifica sorgente]

Deriva dal nome personale latino Paschalis, che significa "di Pasqua", "pertinente alla Pasqua", "consacrato alla Pasqua"[1][2][4][6]; anticamente, il nome era scritto nella forma Paschasius, comune nelle iscrizioni cristiane di Roma, che venne poi sostituita da Paschalis[5].

Il nome veniva tradizionalmente dato ai bambini nati il giorno di Pasqua, o nel periodo pasquale, analogamente al nome Pasqua, che richiama sempre questa festività. A partire dall'alto medioevo, si diffuse in tutta Italia, soprattutto nel nord Italia[7][8], in Francia e in Spagna; nel corso del XX secolo la sua diffusione nel nord e nel centro Italia si è drasticamente ridotta, e oggi risulta più accentrato nel sud Italia, dove tuttavia, negli ultimi anni, sta subendo un calo graduale.

In passato, diffuso in tutta Italia nella variante antica Pascale (più vicina alla forma latina paschalis[9]), ha dato origine a una serie di alterati. In Veneto era diffuso nella variante dialettale Pasqual (da cui gli alterati tipicamente veneti Pasqualin, Pasqualon e Pasqualotto), mentre in Piemonte e in Val d'Aosta risultava frequente anche nella variante Pascal. Nel sud Italia contribuirono alla sua diffusione la dominazione spagnola, in particolare quella catalana, e il culto per il santo aragonese Pasquale Baylón, protettore delle donne, particolarmente venerato a Napoli e nei territori del regno delle Due Sicilie.

Secondo una stima del 2000 è il ventiduesimo nome maschile più diffuso in Italia nel XX secolo[10]. È assai diffuso anche come cognome, nella forma "Pasquali" e in diverse altre.

Onomastico[modifica | modifica sorgente]

L'onomastico si festeggia generalmente nel giorno di Pasqua oppure il 17 maggio, in ricordo di san Pasquale Baylón, religioso francescano[4][11]. Con questo nome si ricordano anche altri santi e beati, fra i quali, alle date seguenti:

Persone[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Persone di nome Pasquale.

Variante Pascual[modifica | modifica sorgente]

Kpdf bookish.svg Voci presenti nell'enciclopedia su persone di nome "Pascual..."

Variante Pascal[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Persone di nome Pascal.

Variante Pasqualino[modifica | modifica sorgente]

Kpdf bookish.svg Voci presenti nell'enciclopedia su persone di nome "Pasqualino..."

Variante Pascasio[modifica | modifica sorgente]

Kpdf bookish.svg Voci presenti nell'enciclopedia su persone di nome "Pascasio..."

Altre varianti maschili[modifica | modifica sorgente]

Variante femminile Pascale[modifica | modifica sorgente]

Kpdf bookish.svg Voci presenti nell'enciclopedia su persone di nome "Pascale..."

Altre varianti femminili[modifica | modifica sorgente]

Il nome nelle arti[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f g h i j k (EN) Pascal, Behind the Name. URL consultato il 2 giugno 2013.
  2. ^ a b c d Accademia della Crusca, Dizionario della lingua italiana - Volume VII, Padova, Tipografia della Minerva, 1830, p. 695.
  3. ^ a b c d e f (EN) Pascale, Behind the Name. URL consultato il 2 giugno 2013.
  4. ^ a b c d Pasquale, Santi, beati e testimoni. URL consultato il 2 giugno 2013.
  5. ^ a b c Christian Krötzl, Kirsi Salonen, The Roman Curia, the apostolic penitentiary and the partes in the later Middle Ages, Institutum Romanum Finlandiae, 2003, p. 43.
  6. ^ Alfonso Burgio, Dizionario dei nomi propri di persona, Roma, Hermes Edizioni, 1992, p. 283. ISBN 88-7938-013-3.
  7. ^ Il nome Pasquale è attestato nel 1002 a Milano, in un elenco di custodi di Sant'Ambrogio, in una permuta del 19 giugno 1002. Cfr. Patrizia Corrorati, Nomi, individui, famiglie a Milano nel secolo XI, p. 473, in AA.VV., Genèse médiévale de l'anthroponymie moderne: l'espace italien (Actes de la table ronde de Rome, 8-9 mars 1993), «Mélanges de l'école française de Rome. Moyen Âge», 1994, a cura di Jean M. Martin-François Menant, vol. CVI, n. 2, pp. 459-474.
  8. ^ María Pía Alberzoni, Alfredo Lucioni, Milano, papato e impero in età medievale, Editore Vita e Pensiero, Roma 2003, p. 160.
  9. ^ Istituto dell'Enciclopedia italiana Treccani, ad vocem
  10. ^ LIOn, Laboratorio Internazione di Onomastica - Classifiche onomastiche: Nomi maschili in Italia nel XX secolo
  11. ^ a b c d e f g h Santi e beati di nome Pasquale, Santi, beati e testimoni. URL consultato il 2 giugno 2013.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

antroponimi Portale Antroponimi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di antroponimi