Partito socialista del Reich Tedesco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Partito socialista del Reich Tedesco
(DE) Sozialistische Reichspartei Deutschlands
Leader Otto Ernst Remer e Fritz Dorls
Stato Germania Germania
Fondazione 2 ottobre 1949
Dissoluzione 12 settembre 1952
Ideologia Neonazismo
Collocazione Estrema destra
Seggi massimi Bundestag
2 / 402
 (1950)
Iscritti ~ 10 000
Colori rosso e nero

Il Partito socialista del Reich Tedesco (in tedesco Sozialistische Reichspartei Deutschlands) è stato un partito politico della Germania Occidentale fondato dopo la seconda guerra mondiale, nel 1949, apertamente nazionalsocialista e filo-hitleriano. Personalità di spicco furono Otto Ernst Remer e Fritz Dorls.

Il SRP sostenne che Konrad Adenauer era un fantoccio degli Stati Uniti e che Karl Dönitz era l'ultimo legittimo Presidente del Reich tedesco.[1] Esso ha sempre negato l'esistenza dell'Olocausto, ha affermato che gli Stati Uniti hanno costruito le camere a gas del campo di concentramento di Dachau dopo la guerra e che i filmati dei campi di concentramento erano fasulli. Il programma del partito auspicava un’Europa, guidata da un Reich tedesco unificato, "terza forza" ostile sia al capitalismo che al comunismo.

Il SRP non ha mai apertamente criticato l'Unione Sovietica[2]. Il Partito Comunista di Germania, d'altro canto, non ha ricevuto fondi dai sovietici perché era considerato "inefficace"[3]. Remer disse apertamente che se l'Unione Sovietica avesse mai invaso la Germania, avrebbe mostrato ai russi la strada verso il Reno e che i membri del SRP avrebbero aiutato i russi, fornendo loro armi[4].

Il SRP aveva circa diecimila membri e ha conquistato 16 seggi in Bassa Sassonia, inoltre possedeva un'organizzazione paramilitare, il Reichsfront. Il Partito in seguito è stato bandito nel 1952 dalla Corte costituzionale della Germania Occidentale.

La sua eredità è stata raccolta dal Partito nazionaldemocratico tedesco.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Martin Lee, The Beast Reawakens (Warner Books, 1998), p. 50
  2. ^ Ibidem p. 58.
  3. ^ Ibidem p. 74-75.
  4. ^ Ibidem p. 65.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

nazismo Portale Nazismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di nazismo