Partito della Sinistra Estone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Curly Brackets.svg

Il Partito della Sinistra Estone è stato un partito politico attivo in Estonia dal 1988 al 2009.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Nel 1988, quando il capo della sezione estone del PCUS Karl Vaino fu sostituito da Vaino Väljas (ex-ambasciatore sovietico in Nicaragua) la maggior parte dei membri del partito manifestò la volontà di rappresentare l'interesse nazionale e fondò così il Partito Comunista estone. Esso ha cambiato denominazione più volte: Partito Laburista Estone (1992), Partito Socialdemocratico Laburista Estone (1997) ed infine Partito della Sinistra Estone (2004).

Il partito è organizzato attraverso il centralismo democratico: il presidente del partito ed il segretario generale vengono scelti dal Comitato Centrale, nel quale sono presenti membri del partito rappresentanti le varie zone del paese.

Il partito è piuttosto marginale nel quadro politico estone: ha ottenuto l'1,6% alle elezioni parlamentari del 1992 e il 2,3% a quelle del 1995, non si è presentato a quelle del 1999 e ha ottenuto lo 0,4% a quelle del 2003. Alle elezioni europee del 2004 è salito al 3,5%, tornando allo 0,1% alle elezioni parlamentari del 2007.

Nel 2009 si fonde con il Partito della Costituzione costuendo il Partito della Sinistra Unita Estone.