Partito dell'Indipendenza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Partito dell'Indipendenza
(IS) Sjálfstæðisflokkurinn (SSF)
Leader Bjarni Benediktsson, Jr.
Stato Islanda Islanda
Fondazione 1929
Sede Háaleitisbraut 1
Reykjavík
Ideologia Conservatorismo liberale,[1]
Euroscetticismo,[1]
Collocazione Centrodestra
Partito europeo Alleanza dei Conservatori e Riformisti Europei
Affiliazione internazionale Unione Democratica Internazionale
Seggi Althing
19 / 63
 (2013)
Sito web www.xd.is

Il Partito dell'Indipendenza (in islandese Sjálfstæðisflokkurinn, SSF) è un partito politico islandese di centrodestra. Fu costituito nel 1929 dall'unione del Partito Conservatore e del Partito Liberale.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Tutti i Presidenti del partito fino al 2009 hanno detenuto la carica di Primo Ministro dell'Islanda: Ólafur Thors, Bjarni Benediktsson, Jóhann Hafstein, Geir Hallgrímsson, Þorsteinn Pálsson, Davíð Oddsson e Geir Hilmar Haarde. Jón Þorláksson, il primo Presidente del Partito dell'Indipendenza, fu Primo Ministro per il Partito Conservatore prima della creazione del Partito dell'Indipendenza. Gunnar Thoroddsen, che fu il vice presidente del partito dal 1974 al 1981, fu Primo Ministro dell'Islanda dal 1980 al 1983, ma il Partito dell'Indipendenza non sosteneva ufficialmente il suo governo (cosa che invece facevano alcuni parlamentari del partito).

Il Partito dell'Indipendenza ha vinto le elezioni parlamentari islandesi del 2007, aumentando la sua presenza all'Althing (il Parlamento nazionale) di tre seggi. Ha formato un nuovo governo di coalizione con Haarde e l'Alleanza, dopo che l'ex partner di coalizione, il Partito Progressista, perse pesantemente le elezioni.

Alle elezioni parlamentari islandesi del 2009, a seguito della pesante crisi economico-finanziaria che ha colpito l'isola dal 2008, il Partito dell'Indipendenza ha perso il governo a favore dell'alleanza tra socialdemocratici e verdi, ed è passato all'opposizione per la prima volta dall'indipendenza dell'Islanda.

Nelle elezioni del 2013 ha riacquistato la prima posizione, ottenendo il 26,7% e 19 seggi.

Ideologia[modifica | modifica sorgente]

Il Partito dell'Indipendenza è un partito liberal-conservatore e euroscettico.[1]

Il partito sostiene la partecipazione dell'Islanda alla NATO, ma si oppone all'idea dell'accesso all'Unione europea.

Presidenti[modifica | modifica sorgente]

Nome dal al
Jón Þorláksson 29 maggio 1929 2 ottobre 1934
Ólafur Thors 2 ottobre 1934 22 ottobre 1961
Bjarni Benediktsson 22 ottobre 1961 10 luglio 1970
Jóhann Hafstein 10 luglio 1970 12 ottobre 1973
Geir Hallgrímsson 12 ottobre 1973 6 novembre 1983
Þorsteinn Pálsson 6 novembre 1983 10 marzo 1991
Davíð Oddsson 10 marzo 1991 16 ottobre 2005
Geir Hilmar Haarde 16 ottobre 2005 29 marzo 2009
Bjarni Benediktsson, Jr. 29 marzo 2009 in carica

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c (EN) Parties and elections - Iceland. URL consultato il 30 novembre 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]