Partito dei Piccoli Proprietari

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Partito dei Piccoli Proprietari
Független Kisgazda, Földmunkás és Polgári Párt
Stato Ungheria Ungheria
Fondazione 1908
Sede Kinizsi u. 22, Budapest
Ideologia Conservatore
Partito europeo nessuno
Sito web www.fkgp.hu

Il Partito dei Piccoli Proprietari (in ungherese, Független Kisgazda, Földmunkás és Polgári Párt) è un partito politico ungherese. Alle ultime elezioni legislative in Ungheria (2010), il partito non ha ottenuto seggi.

Fondato nel 1908, vinse con una schiacciante maggioranza le prime elezioni tenutesi dopo la seconda guerra mondiale e Zoltán Tildy diventò primo ministro. I piccoli proprietari ottennero il 57% dei voti contro il 17% dei comunisti. I comunisti reagirono intensificando la repressione e dipingendo i piccoli proprietari come "reazionari". Nel 1946 Tildy divenne presidente della Repubblica. Ferenc Nagy gli succedette come primo ministro. Tuttavia, la perdurante occupazione sovietica, portò ben presto ad un governo egemonizzato dai comunisti.

Nel 1949, il partito venne assorbito nel Fronte Indipendente dei cittadini, guidato dai comunisti. Quest'ultimo prevalse alle elezioni tenutesi in quell'anno, segnando l'inizio del regime comunista in Ungheria. Nel 1947 i comunisti erano riusciti nell'intento di epurare gli altri partiti della coalizione, e, nelle elezioni tenute in quell'anno, erano diventati il maggior partito del paese, ottennendo quindi una posizione predominante. Ferenc Nagy venne sostituito come primo ministro dal più malleabile Lajos Dinnyés.

Ad agosto, Tildy fu costretto alle dimissioni dalla presidenza della Repubblica in favore del socialdemocratico (passato tra le fila comuniste) Árpád Szakasits. Nel dicembre 1948, Dinnyés fu sostituito alla guida dei Piccoli proprietari dal filo-comunista István Dobi che divenne nuovo primo ministro. Dinnyés eliminò dal paartito gli elementi rimanenti che non erano disposti a piegarsi ai comunisti. Nel 1949 il partito si sciolse venendo assorbito dal Fronte Indipendente dei cittadini, egemonizzato dai comunisti. Quest'ultimo prevalse nelle elezioni tenutasi in quell'anno col 95 % dei voti, segnando l'inizio del regime comunista in Ungheria. Un partito omonimo che si richiama a quello storico è stato fondato nel 1988, concorrendo da allora a tutte le tornate elettorali ma senza aver mai raggiunto risultati significativi.

Leader del partito (1945–1949; 1988–)[modifica | modifica wikitesto]

Leader Date
Zoltán Tildy 1945–1947
István Dobi 1947–1949
Sciolto nel periodo 1949–1988
István Prepaliczay 1988–1990
Ferenc József Nagy 1990–1991
Ferenc József Nagy e József Torgyán 1991
József Torgyán 1991–2002
Miklós Réti dal 2002

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]