Partito dei Comunisti della Repubblica di Moldavia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Partito dei Comunisti della Repubblica di Moldavia
Partidul Comuniștilor din Republica Moldova
PCRM logo.png
Presidente Vladimir Voronin
Stato Moldavia Moldavia
Fondazione 22 ottobre 1993
Sede Chișinău
Ideologia Comunismo
Marxismo-Leninismo
Collocazione Sinistra
Partito europeo Partito della Sinistra Europea (osservatore)
Affiliazione internazionale Unione dei Partiti Comunisti - Partito Comunista dell'Unione Sovietica
Seggi Parlamento
39 / 101
Sito web http://www.pcrm.md/


Moldavia

Questa voce è parte della serie:
Politica della Moldavia









Altri stati · Atlante

Il Partito dei Comunisti della Repubblica di Moldavia (Partidul Comuniștilor din Republica Moldova) è un partito politico comunista della Moldavia, condotto da Vladimir Voronin.

Fa parte del Partito della Sinistra Europea.

Attività[modifica | modifica wikitesto]

È stato il partito al governo della Moldavia dal 2001 al 2009; ne fanno parte l'ex Presidente Vladimir Voronin, oltre che gli ex Primi ministri Vasile Tarlev e Zinaida Greceanîi.

Ultimo programma elettorale proposto[modifica | modifica wikitesto]

Per l'attuale periodo al governo, il PCRM ha proposto i seguenti obiettivi per la nazione:

  • Nuova qualità di vita;
  • Modernizzazione economica;
  • Integrazione europea;
  • Consolidamento della società.

L'intero programma elettorale può essere letto sul sito ufficiale del PCRM.

Risultati alle ultime elezioni[modifica | modifica wikitesto]

Alle elezioni del 6 marzo 2005 il partito ha ottenuto 716.336 voti (il 45,98% dei voti validi); ha ottenuto 56 seggi nel Parlamento per la XVI legislatura.

Alle ultime elezioni del 5 aprile 2009, con una affluenza del 59.49%, ha avuto il 50.00% dei consensi, ottenendo 61 seggi. Ma il risultato è stato fortemente contestato dall'opposizione, con l'accusa di brogli.

Il 29 luglio 2009 si sono tenute le elezioni anticipate, che hanno fatto conquistare al PCRM solo il 44,69% dei voti, perdendo in tal modo la maggioranza assoluta dei seggi. La nuova maggioranza è composta dai quattro partiti di opposizione, che si sono riuniti nell'Alleanza per l'Integrazione Europea. Il Presidente Vladimir Voronin e il Primo Ministro Zinaida Greceanîi si sono dimessi nel mese di settembre 2009.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]