Partito Socialdemocratico dei Lavoratori di Svezia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Partito Socialdemocratico dei Lavoratori di Svezia
Sveriges Socialdemokratiska Arbetareparti
Leader Stefan Löfven
Stato Svezia Svezia
Fondazione 23 aprile 1889
Sede Sveavägen 68, Stoccolma
Ideologia Socialdemocrazia,
Socialismo democratico
Collocazione Centro-sinistra
Partito europeo Partito Socialista Europeo
Gruppo parlamentare europeo Alleanza Progressista dei Socialisti e dei Democratici
Affiliazione internazionale Alleanza Progressista, Internazionale Socialista (SAMAK)
Seggi Riksdag
113 / 349
Seggi Europarlamento
5 / 20
Organizzazione giovanile Sveriges Socialdemokratiska Ungdomsförbund
Iscritti 105,626
Sito web www.socialdemokraterna.se

Il Partito Socialdemocratico dei Lavoratori di Svezia (in svedese: Sveriges Socialdemokratiska Arbetareparti, SAP), meglio noto in italiano come Partito Socialdemocratico Svedese, è un partito politico di centrosinistra, socialdemocratico della Svezia.

Fondato nel 1889, è il più vecchio partito svedese e nel corso del XX secolo ha contribuito in maniera decisiva all'evoluzione del cosiddetto modello svedese. Nel 1917 dal partito uscì la componente più rivoluzionaria, che adesso è raggruppata nel Partito della Sinistra.

A seguito delle elezioni legislative del 2010 il partito socialdemocratico è risultato il primo a livello nazionale, ma la coalizione Rosso-Verde formata dai Socialdemocratici, dal Partito della Sinistra e dai Verdi perse le elezioni.

A livello internazionale fa parte dell'Internazionale Socialista e del SAMAK. La livello europeo aderisce al Partito Socialista Europeo e siede nel Parlamento Europeo nel gruppo dell'Alleanza Progressista dei Socialisti e dei Democratici.

Storia del partito[modifica | modifica wikitesto]

Nelle elezioni tra il 1932 ed il 1988 la SAP ha sempre ottenuto risultati oscillanti tra il 41,1% ed il 53,8%. Ha guidato il governo nazionale ininterrottamente dal 1932 al 1976 (con la sola interruzione del periodo giugno 1936 - settembre 1936), quando ha perso contro l'alleanza fra i tre storici partiti borghesi; ha poi governato dal 1982 al 1991 e dal 1994 al 2006. Dal 1988, però, sembra entrato in crisi: con l'eccezione del 1994 e del 1998, è sempre rimasto sotto il 40% dei voti ed alle elezioni del 2006 ha raggiunto il suo risultato più basso da quando è entrato in vigore il suffragio universale (35,0%). In tale occasione, i socialdemocratici, pur rimanendo il partito più votato, si sono visti superare dall'Alleanza per la Svezia, formata dai quattro principali partiti non-socialisti (Partito Moderato, Partito Popolare Liberale, Democratici Cristiani e Partito di Centro).

La posizione della SAP è in teoria una revisione del marxismo ortodosso. Il partito definisce la propria ideologia come "socialismo democratico" o socialdemocrazia. La SAP sostiene una politica capillare di welfare basata su una forte tassazione. In tempi più recenti è diventato forte sostenitore del femminismo, dell'uguaglianza in tutte le sue forme, e nella forte opposizione a qualsiasi tipo di discriminazione e razzismo. La sua base elettorale è formata da diverse categorie sociali, anche se è particolarmente forte tra gli operai sindacalizzati.

Leader del partito[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]