Partito Socialdemocratico (Estonia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Partito Socialdemocratico
Leader Sven Mikser
Stato Estonia Estonia
Fondazione 8 settembre 1990 (come Partito Popolare Moderato)
Sede Tallinn
Ideologia Socialdemocrazia
Terza via
Collocazione Centro-sinistra
Partito europeo Partito del Socialismo Europeo
Gruppo parlamentare europeo Alleanza Progressista dei Socialisti e dei Democratici
Affiliazione internazionale Internazionale Socialista
Seggi Riigikogu
19 / 101
Seggi Europarlamento
1 / 6
Organizzazione giovanile Giovani Socialdemocratici
Colori Rosso e verde
Sito web www.valimised.com

Il Partito Socialdemocratico (in estone: Sotsiaaldemokraatlik Erakond - SDE) è un partito politico attivo in Estonia dal 2004. Esso si presenta come prosecutore del Partito Popolare Moderato (Rahvaerakond Mõõdukad), sorto nel 1999 dalla confluenza tra due distinti soggetti politici:

Il Partito Popolare Moderato[modifica | modifica sorgente]

I Moderati e il Partito Popolare si presentarono in una lista congiunta alle elezioni parlamentari del 1999: il risultato fu il 15,2% e la formazione entrò a far parte del governo di Mart Laar, leader dell'Unione della Patria.

Nel novembre del 1999, I Moderati e il Partito Popolare confluirono definitivamente in un unico soggetto, il Partito Popolare Moderato. Esso debuttò alle elezioni parlamentari del 2003, in occasione delle quali, tuttavia, i risultati non furono soddisfacenti: il partito ottenne infatti solo il 7%.

Debutto del partito[modifica | modifica sorgente]

Nel febbraio del 2004 il partito assunse l'attuale denominazione di Partito Socialdemocratico. Nel 2006, è divenuto Presidente dell'Estonia il candidato sostenuto dai socialdemocratici, Toomas Hendrik Ilves. Alle elezioni parlamentari del 2007, lo SDE ha ottenuto il 10,6% dei voti ed è entrato a far parte del governo insieme ai liberali del Partito Riformista Estone e ai conservatori dell'Unione della Patria - Res Publica.