Partito Panameñista

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Partito Panameñista
Partido Panameñista
Flag of Panameñista Party.svg
Leader Juan Carlos Varela
Stato Panamá Panamá
Fondazione 1932
Sede Ave. Perú y Calle 37, Panama
Ideologia Nazionalismo panamense,
Personalismo,
Centrismo,
Liberalismo,
Conservatorismo nazionale,
Progressismo
Collocazione Centro, Centro-destra
Affiliazione internazionale Unione Democratica Internazionale
Seggi Assemblea Nazionale
13 / 71
Colori Viola, giallo, rosso
Sito web Sito ufficiale

Il Partito Panameñista (in spagnolo: Partido Panameñista) è un partito politico panamense tuttora esistente.

Il partito è il secondo più antico di Panamá: è stato fondato nel 1932 da Harmodio Arias Madrid, un editore di giornali importanti, come Partito Nazional-Rivoluzionario. La sua composizione era in gran parte proveniente da Azione Patriottica comunale, un'organizzazione nazionalista che si opponeva in maniera risoluta all'influenza americana a Panamá e che aveva già portato ad un colpo fallito nel 1930. In quegli anni il partito aveva un acceso riferimento al fascismo, soprattutto per la dottrina sociale che contestava le multinazionali americane.

Nel 1936, il fratello minore di Harmodio, Arnulfo, ha preso il controllo del partito. Nei primi anni '30, aveva iniziato la promozione di una dottrina nazionalista chiamato "Panameñismo", e questa divenne la base per il partito. È stato rinominato a partire da metà degli anni '40.

Il partito è stato dominato da Arnulfo Arias, che è stato eletto presidente di Panamá per tre volte e per tre volte subito deposto dai militari. Dopo la sua terza uscita, nel 1968, un piccolo gruppo dissidente ha rotto con Arnulfo Arias per sostenere il regime militare di Omar Torrijos. In cambio, Omar Torrijos regime i dissidenti consentito di prendere in consegna la parte della registrazione. La maggioranza, tuttavia, è rimasta con Arnulfo e si è rinominata partito Panameñista autentico, noto per il suo acronimo spagnolo, "PPA", uno dei principali oppositori a Manuel Noriega.

Arnulfo avrebbe dovuto essere il candidato del partito per la presidenza nel 1989, ma morì nel 1988. Egli era riuscito in quanto leader del partito con la sua vedova, Mireya Moscoso. Per le elezioni del 1989, il partito è stato il principale componente di una coalizione anti-Noriega, con la PVP, di Guillermo Endara come la coalizione del candidato presidenziale. Ha vinto con un 3 a 1 margine di oltre il Noriega, ma le elezioni sono state annullate da Noriega stesso. Noriega è stato rovesciato pochi mesi più tardi, e Guillermo Endara l'ha rilevato come presidente.

Nel 1990, il partito è stato ribattezzato la Partito Arnulfista in onore del leader, anche se i membri del partito erano stati chiamati "Arnulfistas" da molti anni. È stato il principale partito di opposizione al Partito Rivoluzionario Democratico di Ernesto Pérez Balladares, riconquistando la presidenza nel 1999 sotto Moscoso.

Durante le ultime elezioni, il 2 maggio 2004, ha ottenuto il 19,2% del voto popolare e 17 dei 78 seggi. Nelle elezioni presidenziali dello stesso giorno, il suo candidato, José Miguel Alemán, un povero peones finito terzo, con il 16,4% dei voti.

Il partito ha cambiato il suo nome torna alla vecchia Panameñista nel 2005.

Si tratta a Panamá del secondo più grande partito politico, con oltre 250.000 iscritti[senza fonte].

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

fascismo Portale Fascismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di fascismo