Partito Comunista di Bielorussia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Partito Comunista di Bielorussia
Камуністы́чная па́ртыя Белару́сі
Коммунистическая партия Белоруссии
Segretario Igor Karpenko
Stato Bielorussia Bielorussia
Fondazione 1996
Sede Minsk
Ideologia Comunismo
Marxismo-Leninismo
Collocazione Sinistra
Affiliazione internazionale Unione dei Partiti Comunisti - Partito Comunista dell'Unione Sovietica
Seggi Camera dei Rappresentanti
3 / 110
Seggi Consiglio della Repubblica
17 / 64
Sito web http://www.comparty.by

Il Partito Comunista di Bielorussia è un partito politico fondato nel 1996 che supporta il presidente Aleksandr Lukašenko[1]. Il segretario del Partito è Tatsyana Holubeva.

Il 15 luglio 2006 Partito Comunista ha proposto di fondersi con il Partito dei Comunisti di Bielorussia (PKB). Mentre il Partito Comunista di Bielorussia appoggia Lukašenko, il Partito dei Comunisti di Bielorussia è uno dei principali partiti di opposizione. Secondo Sergej Kaljakin, segretario del PKB, la cosiddetta "riunificazione" dei due partiti era solo una manovra per eliminare il PKB dall'opposizione[2]. Il PKB ha rifiutato la fusione e nel 2009 ha cambiato nome in Partito della Sinistra Unita Bielorussa "Mondo Giusto". In quanto membro dell'Unione dei Partiti Comunisti, il Partito Comunista di Bielorussia è legato a molti più partiti comunisti dell'area ex-sovietica rispetto a "Mondo Giusto", che è generalmente considerato un partito filo-occidentale.

Risultati elettorali[modifica | modifica sorgente]

Alle elezioni parlamentari del 2004 il Partito Comunista di Bielorussia è arrivato al 5,99% dei voti, conquistando 8 seggi su 110 alla Camera dei Rappresentanti. Alle elezioni parlamentari del 2006 ha ottenuto solo 6 seggi.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ European Forum for Democracy and Solidarity
  2. ^ Kalyakin: Merger of Communist Parties Is Belarusian Secret Services’ Invention, Charter'97, 6 agosto 2006