Partito Comunista dell'India (Marxista)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Partito Comunista dell'India (Marxista)
(HI) भारत की कम्युनिस्ट पार्टी (मार्क्सवादी)
Bhārat kī Kamyunisṭ Pārṭī (Mārksvādī)
(EN) Communist Party of India (Marxist)
CPI-M-flag.svg
Segretario Prakash Karat
Stato India India
Fondazione 1964
Sede Nuova Delhi
Ideologia Comunismo,
Marxismo-leninismo
Collocazione Estrema sinistra
Coalizione Fronte di Sinistra
Seggi Lok Sabha
16 / 545
Seggi Rajya Sabha
11 / 245
Congresso del Partito Comunista dell'India (Marxista), 2005.

Il Partito Comunista dell'India (Marxista) (in hindi भारत की कम्युनिस्ट पार्टी (मार्क्सवादी), Bhārat kī Kamyunisṭ Pārṭī (Mārksvādī)(in inglese Communist Party of India (Marxist), CPI(M) o CPM) è un partito politico indiano di ideologia marxista-leninista. Si oppone al capitalismo, alla globalizzazione e all'imperialismo.

Nato nel 1964 da una scissione del Partito Comunista dell'India, è particolarmente forte negli Stati del Kerala, del Bengala Occidentale e del Tripura, dove (anno 2007) governa a livello locale. Nel 2009 il partito dichiarava 1.042.287 membri[1].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ About Us.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]