Politica della Repubblica di Macedonia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Repubblica di Macedonia

Questa voce è parte della serie:
Politica della Repubblica di Macedonia







Altri stati · Atlante

La Repubblica di Macedonia è una repubblica parlamentare.

Il corpo elettorale è chiamato ad eleggere il Presidente e il Parlamento.

Il Presidente dura in carica cinque anni. Il Parlamento ha struttura unicamerale ed è costituito da un'assemblea denominata Sobranie, di cui fanno parte 120 membri con mandato quadriennale ed eletti tramite sistema proporzionale.

La Repubblica di Macedonia ha un sistema multipartitico, con numerosi partiti politici, i quali spesso non riescono a prendere il potere da sé, e formano coalizioni di governo.

Ramo legislativo[modifica | modifica sorgente]

La Sobranie (Assemblea) è il parlamento della Repubblica; ha 123 membri ( 120 sono dalla macedonia e 3 dalla diaspora ), che vengono eletti per un mandato quadriennale con sistema proporzionale.

A seguito delle elezioni parlamentari del 2014, il quadro politico risulta così articolato.

Partiti rappresentati in Parlamento[modifica | modifica sorgente]

Partiti minori[modifica | modifica sorgente]

Ramo esecutivo[modifica | modifica sorgente]

Ufficio Nome Partito In carica da
Presidente Gjorge Ivanov VMRO-DPMNE 12 maggio 2004
Primo Ministro Nikola Gruevski VMRO-DPMNE 12 maggio 2009

Il Presidente è obbligato ad affidare il mandato per costituire il governo ad un candidato del partito o della coalizione che abbia la maggioranza in Assemblea. Il governo viene eletto con la maggioranza di voto di tutti i deputati nell'Assemblea.

Il presidente viene eletto direttamente dal popolo per un mandato quinquennale. Il potere del presidente della Repubblica è molto limitato, dato che il potere reale resta nelle mani del Presidente del Governo di Macedonia. Le ultime elezioni si tennero nell'ottobre 2004: Branko Crvenkovski venne eletto presidente al secondo turno di ballottaggio con il 60.6% dei voti, sconfiggendo Saško Kedev con il 39.4%.

Governo[modifica | modifica sorgente]

Ministro Nome Partito
Ministro degli Affari Esteri Antonio Milososki Partito Democratico per l'Unità Nazionale
Ministro dell’Agricoltura, delle Foreste e del Rifornimento Idrico Aco Spasenovski Nuovo Partito Social-Democratico
Ministro dell’Ambiente e della Pianificazione Territoriale Xhelil Bajrami Partito Democratico degli Albanesi
Ministro della Cultura Arifhikmet Xhemaili Indipendente
Ministro della Difesa Lazar Elenovski Nuovo Partito Social-Democratico
Ministro dell’Economia Vera Rafajlovska Nuovo Partito Social-Democratico
Ministro delle Finanze Trajko Slaveski Partito Democratico per l'Unità Nazionale
Ministro della Giustizia Mihajlo Manevski Indipendente
Ministro del Governo Locale Zoran Konjanovski Partito Democratico per l'Unità Nazionale
Ministro dell’Interno Gordana Jankulovska Partito Democratico per l'Unità Nazionale
Ministro dell’Istruzione e della Scienza Sulejman Rushiti Partito Democratico degli Albanesi
Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali Ljupco Meskov Nuovo Partito Social-Democratico
Ministro della Salute Imer Selmani Partito Democratico degli Albanesi
Ministro dei Trasporti e delle Comunicazioni Mile Janakieski Partito Democratico degli Albanesi

Ministri senza portafoglio[modifica | modifica sorgente]

Ministro Nome Partito
Ministro dell’Attrazione degli Investimenti Esteri Vele Samak Indipendente
Ministro del Cambiamento della Società Informatica Ivo Ivanovski Partito Democratico per l'Unità Nazionale
Ministro dell’Esecuzione dell’Accordo Quadro di Ohrid Imer Aliu Partito Democratico degli Albanesi
Ministro dell’Integrazione Europea e dell’Assistenza del Coordinamento Estero Gabriela Konevska-Trajkovska Indipendente

Ramo giudiziario[modifica | modifica sorgente]

Gli organi addetti alla detenzione del potere giudiziario sono la Corte Costituzionale, i cui giudici sono eletti dal Consiglio Giudiziario, e la Corte Giudiziaria della Repubblica, i cui giudici vengono anche essi eletti dal Consiglio Giudiziario

Divisioni amministrative[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Municipi della Repubblica di Macedonia.

Nel 2002 il territorio della Repubblica di Macedonia venne riorganizzato in 84 municipi (opštini; al singolare: opština), 10 dei quali comprendono la Skopje ed i sobborghi cittadini sotto il nome di Град Скопjе, Città di Skopje. Questo atto ridusse i precedenti 123 municipi, stabiliti nel settembre 1996. In precedenza il territorio era organizzato in 34 distretti amministrativi.

Dispute etniche[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Albanesi nella Repubblica di Macedonia.

La principale divergenza politica del paese è tra i partiti politici che rappresentano la maggioranza etnica macedone e quelli che rappresentano la minoranza albanese. La question del bilanciamento del potere tra le due comunità portò ad una breve guerra civile nel 2001, in seguito alla quale venne raggiunto un accordo di condivisione dei poteri. Nell'agosto del 2004, la Sobranie, il parlamento della Repubblica, passò una revisione della legislazione dei confini del governo locale per dare maggiore autonomia agli albanesi nelle aree dove essi sono la maggioranza.

Relazioni con l'estero[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Relazioni internazionali della Repubblica di Macedonia.

La Repubblica di Macedonia è membro di varie organizzazioni internazionali come le Nazioni Unite, l'OSCE, il Consiglio d'Europa, membro associato de La Francophonie, del World Trade Organization (WTO) ecc. La Repubblica sta cercando di entrare nella NATO e nell'Unione Europea, anche se il suo accesso non è previsto almeno prima del 2008 e del 2012, rispettivamente. Nel dicembre 2005, i leader dell'Unione Europea hanno posto la Repubblica di Macedonia tra i candidati all'ammissione ma non hanno ancora fissato una data per l'inizio delle trattative.

L'Agenzia Statunitense per lo Sviluppo Internazionale ha sottoscritto un progetto chiamato Macedonia Connects, che ha reso la Repubblica di Macedonia il primo paese interamente connesso in broadband wireless nel mondo. Il Ministero dell'Educazione e delle Scienze ha riportato che 461 istituti scolastici (primari e superiori) sono connessi alla rete.

La Repubblica di Macedonia è membro del AIEA, CE, CEI, COI, CPI, CRI, FAO, FMI, ICAO, IFC, Interpol, ISO, OMM, ONU, OSCE, UNESCO, WHO, World Bank, WTrO (osservatore)

Fonti[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Macedonia Portale Macedonia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Macedonia