Partita lampo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Un orologio digitale posizionato per la cadenza Fischer (3' + 2 sec./mossa)

Negli scacchi, la partita lampo (denominata blitz nel regolamento internazionale) è una partita nella quale ogni giocatore ha a disposizione meno di 15 minuti per completare la partita. Il tempo più adottato, specialmente nelle partite amichevoli dei circoli, è di 5 o 3 minuti, a volte incrementati di qualche secondo per mossa se si ha a disposizione un orologio digitale (vedi orologio Fischer). Il tempo totale deve comunque essere inferiore ai 15 minuti.

Le partite lampo seguono le medesime regole del gioco tradizionale, con alcune eccezioni. Le più importanti sono le seguenti:

  • Se un giocatore esegue una mossa irregolare, dopodiché mette in moto l'orologio dell'avversario, quest'ultimo ha il diritto di farlo notare e di esigere partita vinta (o patta, se non ha abbastanza materiale per poter dare scacco matto), ma solo prima di eseguire a sua volta una mossa. Se invece l'avversario non reclama e continua la partita, la mossa irregolare viene considerata valida.
  • Quando un giocatore muove lasciando il proprio Re sotto scacco (mossa irregolare), è ancora diffusa l'abitudine che l'avversario reclami la vittoria catturando materialmente sulla scacchiera il Re nemico. Tuttavia, dal 1º luglio 2005 la cattura del Re avversario è stata dichiarata mossa irregolare nel regolamento internazionale. Pertanto, chi la esegue non solo non vince la partita, ma addirittura la perde se mette in moto l'orologio dell'avversario e questi reclama la vittoria.
  • Il tempo di un giocatore si considera scaduto solo nel momento in cui il suo avversario lo fa notare. L'arbitro e gli spettatori devono astenersi dal segnalare che un giocatore ha esaurito il suo tempo.

Il regolamento completo di questo tipo di partita è reperibile (in inglese) sul sito della FIDE nella sezione Blitz delle FIDE Laws of Chess.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]