Parma Baseball

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
A.S.D. Baseball Parma
Baseball Baseball pictogram.svg
Parma Baseball - Logo.png
Angels
Segni distintivi
Uniformi di gara
Kit left arm pinstripesonwhite.png
Kit right arm pinstripesonwhite.png
Kit trousers pinstripesonwhite.png

Casa

Kit left arm bluecuffpiping.png
Kit right arm bluecuffpiping.png
Kit trousers beltongrey.png

Trasferta

Kit trousers pinstripesonwhite.png

Terza

Colori sociali bianco, blu e giallo
Dati societari
Città Parma-Stemma.png Parma
Nazione Italia Italia
Confederazione CEB
Federazione FIBS
Fondazione 1949
Presidente Italia Rossano Rinaldi
Allenatore Venezuela Orlando Muñoz Rada
Sito web www.parmabaseball.it/
Palmarès
Star*.svgCoccarda Italia.svgCoccarda Italia.svgCoccarda Italia.svgCoccarda Italia.svgCoccarda Italia.svgCoccarda Italia.svg
Italian Baseball Series 10
Coppe Italia 6
Altri titoli 1 Coppa delle Coppe, 1 Supercoppa CEB, 3 Coppe del Mediterraneo, 1 Coppa dei Club
Impianto di gioco
Stadio Quadrifoglio - Aldo Notari
3000 posti

Il Parma Baseball è una società italiana di baseball fondata nel 1949 a Parma, militante nella massima serie del campionato italiano di baseball, la Italian Baseball League. È una delle principali squadre europee e detentrice del maggior numero di Coppe dei Campioni vinte. La Franchigia parmigiana è una delle più ampie e sviluppate d'Italia. Nell'anno 2008 la squadra giovanile Under-16 "Parma Tigers" si è aggiudicata il titolo nazionale di categoria, laureandosi campione d'Italia. Nell'anno 2010 vince lo scudetto della stella.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La squadra è stata fondata nel dopoguerra, precisamente nel 1949, quando un gruppo di amici decise di recarsi a Livorno per acquistare del materiale da gioco. Il primo campionato del "Parma Baseball Club" è quello di Serie A del 1950, con l'iscrizione formalizzata dal primo presidente Martino Zanichelli, ma arriva pressoché subito una retrocessione. Tra il 1952 e il 1953 nasce una seconda realtà cittadina, quella del Centro Universitario Sportivo, destinata ad unirsi all'altra squadra già nel 1954. Dopo la stagione 1957 si concretizza il ritorno in A, mentre dalla base NATO di Verona arrivano gli americani William Cotton e Floyd Norris[1].

Nella prima parte degli anni '60 il club si lega allo sponsor Tanara, che resterà a lungo negli anni a seguire. Si verifica poi un'altra fusione con una società cittadina, quella del Bar Morris che si era iscritta alla Serie C. Nel 1964 Parma sale nella massima serie, due anni più tardi termina il torneo al secondo posto, mentre nel 1968 chiude terzo. Nel 1969, sotto la presidenza di Aldo Notari, la squadra vince la sua prima Coppa Italia[2].

Un'ulteriore fusione (questa volta con la Bernazzoli Astra) la si registra all'inizio degli anni '70, intanto nel 1972 il club trasloca al nuovissimo Stadio Europeo. L'annata 1976 è quella del primo scudetto parmigiano grazie alle 51 vittorie ottenute su 54 incontri, ma il titolo nazionale verrà bissato anche l'anno successivo. A livello europeo, Parma vince la Coppa dei Campioni nel 1977, ma è la prima di una lunga serie[3].

Negli anni '80 la famiglia Tanzi subentra a quella Salvarani, al tempo stesso debutta lo sponsor Parmalat che resterà fino al 1984: nel frattempo la squadra vince altri due scudetti. Oltre ad essere la stagione del quinto scudetto, il 1985 è l'anno in cui Aldo Notari lascia la presidenza, in favore di Franco Casoli. Nel 1988 arriva la nona Coppa dei Campioni, tutte vinte tra il 1977 e il 1988, periodo in cui la formazione ducale ha dominato il baseball europeo[4].

Il palmarès continua ad arricchirsi anche negli anni '90 sia per quanto riguarda i titoli nazionali che per quelli continentali. Tra il 1996 e il 1997 la formazione ducale accusa gravi problemi economici e rischia la scomparsa, ma nonostante una rosa costruita al risparmio arriva lo scudetto. Seguiranno altre due Coppe dei Campioni (1998 e 1999), attualmente le ultime[5].

Seguirà un decennio senza successi, con un digiuno interrotto solo nel 2010 con il decimo scudetto della storia del club, conquistato in gara-7 grazie al 2-1 ai danni di Bologna dopo una serie finale avvincente[6].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Trofei ufficiali[modifica | modifica wikitesto]

Nazionali[modifica | modifica wikitesto]

16 trofei

1976, 1977, 1981, 1982, 1985, 1991, 1994, 1995, 1997, 2010
1969, 1971, 1993, 1994, 1996, 2000

Internazionali[modifica | modifica wikitesto]

15 trofei

1977, 1978, 1980, 1981, 1983, 1984, 1986, 1987, 1988, 1992, 1995, 1998, 1999
  • Coppa delle Coppe: 1
1997
1993

Trofei minori[modifica | modifica wikitesto]

  • Coppa del mediterraneo: 3
1973, 1974, 1976
  • Coppa dei Club: 1
1977

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

  • Medaglia d'oro del comune di Parma
  • Stella d'oro, d'argento e bronzo al Merito Sportivo

Piazzamenti Recenti[modifica | modifica wikitesto]

Stadio[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Stadio Quadrifoglio.

Ospitato per anni nello stadio Europeo - Nino Cavalli, a partire dalla stagione 2010 il Parma Baseball si trasferisce nel rimodernato impianto dello Stadio Quadrifoglio, in precedenze sede federale.

Il nuovo impianto è dotato di 2.500 posti a sedere, ed è stato inaugurato a settembre 2009 in occasione del Campionato mondiale di baseball 2009.

Statistiche attacco in regular season 2008[modifica | modifica wikitesto]

AB[7] R[8] H[9] 2B[10] 3B[11] HR[12] SB[13] RBI[14] AVG[15] SLG[16] OBP[17] OPS[18] BB[19] SO[20]
1394 178 349 64 10 9 30 154 .250 .330 .339 .669 173 292

Maglie ritirate[modifica | modifica wikitesto]

Fra le sue fila annovera nomi importanti del baseball italiano, di seguito sono riportati i nomi dei giocatori che hanno fatto la storia del Parma Baseball a cui sono stati ritirate le casacche.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Le Origini, parmabaseball.it.
  2. ^ Gli anni '60, parmabaseball.it.
  3. ^ Gli anni '70, parmabaseball.it.
  4. ^ Gli anni '80, parmabaseball.it.
  5. ^ Gli anni '90, parmabaseball.it.
  6. ^ Il nostro tempo, parmabaseball.it.
  7. ^ Turni alla battuta
  8. ^ Punti fatti
  9. ^ Battute valide da una base
  10. ^ Battute valide da due basi
  11. ^ Battute valide da tre basi
  12. ^ Fuoricampo
  13. ^ Basi rubate
  14. ^ Punti battuti a casa
  15. ^ Madia battuta
  16. ^ Media bombardieri
  17. ^ Percentuale arrivi in base
  18. ^ Percentuale arrivi in base sommata alla media bombardieri
  19. ^ Basi per ball
  20. ^ Strike out

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

baseball Portale Baseball: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di baseball