Parlamento di Vienna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Parlamento; a destra, sullo sfondo, è visibile la goticheggiante Rathaus di Vienna.

Il Parlamento di Vienna è situato lungo una delle più famose strade della capitale austriaca, la Ringstrasse.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Si tratta di un edificio in stile neoclassico. I pronai da tempio greco di ordine corinzio spiccano davanti alla facciata e fungono così da avancorpi, dando un aspetto pomposo al palazzo.

Alcune quadrighe svettano sul palazzo. Presso le rampe che portano all'edificio campeggia la statua di Atena. Nel complesso, la struttura della facciata principale ricorda quella dello Zappeion ad Atene.

Con il suo stile neogreco, il Parlamento completa l'insieme di neostili sempre diversi che caratterizza la zona della Ringstrasse, ricca di riferimenti alle architetture delle più svariate epoche storiche (vedi ad esempio il neogotico del municipio nella foto).

Cenni storici[modifica | modifica sorgente]

I lavori per la costruzione secondo i piani di Theophil Hansen iniziarono il 2 settembre 1874, la prima sessione parlamentare il 4 dicembre 1883.[1] Un importante influsso sul lavoro di progettazione venne esercitato dall’imprenditore Nikolaus Dumba.[2]

Divenne il parlamento della parte austriaca dell'impero Austro-Ungarico, la Cisleithania.

Come parlamento della vecchia Austria, Reichsrat, ospitava politici delle nazionalità più disparate, suddivisi nelle due camere poste rispettivamente a sinistra e a destra dell'entrata principale (le camere si chiamavano Abgeordnetenhaus, e Herrenhaus: l'edificio è infatti bipartito). Si ricordano anche politici trentini come Alcide De Gasperi e Cesare Battisti, oppure friulani come Luigi Faidutti e Giuseppe Bugatto. Tutt'oggi, le due camere parlamentari dell'attuale Repubblica Austriaca si riuniscono nel palazzo, nonostante i danni e gli interventi di restauro legati agli eventi storici della seconda guerra mondiale.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (DE) Parlament - 120 Jahre Parlamentsgebäude, pag. 14 (PDF)
  2. ^ (DE) Biblioteca cittadina viennese

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]