Parlamento Panafricano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Parlamento Panafricano è l'assemblea consultiva dell'Unione Africana, l'organizzazione continentale raggruppante i 53 paesi africani.

Cenni storici[modifica | modifica sorgente]

La prima sessione inaugurale si svolse il 16 settembre 2004 in presenza del presidente sudafricano Thabo Mbeki, sotto la presidenza della Tanzaniana Gertrude Mongella.

Ad oggi la sede del parlamento si trova provvisoriamente al centro congressi Gallagher Estate, a Midrand, una zona industriale fra Johannesburg e Pretoria, in Africa del Sud. Questo paese paga le spese di funzionamento di questa istituzione continentale.[senza fonte] Entro il 2012 è prevista l'apertura di una nuova sede.

Composizione[modifica | modifica sorgente]

L'assemblea è composta da 265 deputati (di tutti i paesi che hanno ratificato la costituzione del parlamento). Ciascuno dei 53 paesi membri dell'Unione invia cinque membri eletti o designati dai parlamenti nazionali. I principali partiti o movimenti nazionali dovrebbero essere presenti in questa delegazione, ed una donna.

Ruolo[modifica | modifica sorgente]

Il parlamento panafricano ha un ruolo consultivo[senza fonte] per i capi di stato africani. Tra i primi problemi che il Parlamento si è trovato ad affrontare c'è stato lo status del Sahara Occidentale.

Cronologia dei Presidenti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]