Parinirvāṇa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

1leftarrow.pngVoce principale: Buddha.

Il parinirvāṇa del Buddha Śākyamuni in un bassorilievo dell'arte del Gandhāra (II-III secolo d.C.)

Il parinirvāṇa (sanscrito परिनिर्वाण; pāli: परिनिब्बाण parinibbāṇa; cinese: 般涅槃 bō niè pán; coreano: 반열반 ban yeolban o pan yŏlban; giapponese: hatsu nehan; vietnamita: bát-niết-bàn; tibetano: yong-su myang-'das; Nirvāṇa completo) è un termine proprio del Buddhismo con cui si indica la cessazione dell'esistenza dei cinque aggregati (sanscrito pañca-skandha; pāli: pañca-khandha)[1], che costituiscono l'esistenza psicofisica dell'individuo, alla morte di un Buddha o di un arhat.

È quindi sinonimo della estinzione di un Buddha o di un maestro illuminato. Per antonomasia ci si riferisce con "Parinirvāṇa" a quello del Buddha Śākyamuni avvenuto tradizionalmente nel 486 a.C. a Kuśināgara.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cinese: 五蘊 wǔyùn; giapponese: goun; tibetano: phung-po lnga.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]