Parco nazionale del Chobe

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Parco nazionale del Chobe
Chobe National Park
Chobe National Park Riverfront Portrait.jpg
Class. internaz. IUCN Category II
Stati Botswana Botswana
Superficie a terra 10.689 km²
Provvedimenti istitutivi 1968

Coordinate: 18°40′S 24°30′E / 18.666667°S 24.5°E-18.666667; 24.5

Il parco nazionale del Chobe (in inglese Chobe National Park) è un parco nazionale del Botswana[1]. Si trova nel nordovest del paese, nei pressi della città di Kasane. Fu fondato nel 1967, e ha un'area di 10.689 km². Pur essendo la terza area naturale protetta del Botswana in ordine di grandezza (dopo il Central Kalahari Game Reserve e il Gemsbok National Park), il Chobe è di gran lunga il parco più rinomato del Botswana (e uno dei più noti dell'intera Africa) per la varietà e l'abbondanza della vegetazione e della fauna.

Geografia e ambiente[modifica | modifica wikitesto]

Anhinga rufa

Il parco può essere suddiviso in quattro aree, ognuna con un diverso tipo di habitat:

  • L'area di Serondela (Serondela area), nell'estremità nordorientale del parco, è caratterizzata da pianure rigogliose e foreste di teck. Si affaccia sul fiume Chobe, che costeggia il parco, e presso cui si radunano grandi erbivori come elefanti e bufali. Si tratta della zona più visitata del parco, anche a causa della sua prossimità alle cascate Vittoria. Si trovano nei pressi di questa zona anche la città di Kasane e l'ingresso settentrionale del parco.
  • Il cosiddetto "hinterland" compreso fra Linyanti e Savuti, è una zona di pianura alberata in cui abbondano gli eland.

Storia del parco[modifica | modifica wikitesto]

La regione del parco era originariamente abitata da boscimani basarwa, cacciatori-raccoglitori nomadi che hanno lasciato numerose pitture rupestri sulle colline rocciose del parco.

All'inizio del XX secolo, il territorio del parco (allora distretto di Chobe) era quasi tutto di proprietà della corona britannica. Negli anni trenta, per proteggere la fauna locale e incentivare il turismo, la caccia fu proibita in un'area di 24.000 km² (1932), estesa poi a 31.600 km² (1933).

Nel 1943, il progetto di trasformare l'area in parco nazionale venne accantonata in seguito a una devastante infestazione di mosche tse-tse. Solo 14 anni dopo, nel 1953, il progetto fu ripreso dal governo. Nel 1960 venne creata la prima riserva, la Chobe Game Reserve, trasformata ufficialmente in parco nazionale (il primo del Botswana) nel 1967.

Negli anni successivi vennero gradualmente smantellati gli insediamenti umani nella zona (in particolare, presso Serondela c'era una fiorente industria del legname); l'operazione fu conclusa nel 1975. Il parco crebbe gradualmente negli anni (in particolare fu esteso nel 1980 e nel 1987), fino a raggiungere le dimensioni attuali.

Gli elefanti del Chobe[modifica | modifica wikitesto]

Il parco del Chobe è rinomato per essere il luogo con la massima concentrazione di elefanti in Africa (nel parco vivono circa 120.000 individui). Questa popolazione sta crescendo in modo continuo dal 1990, epoca in cui nel parco si contavano poche migliaia di esemplari.

Nonostante la grande concentrazione di elefanti, l'amministrazione del Chobe ha finora rifiutato di adottare le misure di riduzione artificiale della popolazione impiegate da altri parchi.

Turismo[modifica | modifica wikitesto]

Il parco include numerose strutture ricettive per i turisti, incluse diverse aree per il campeggio e molti lodge. Nell'area in cui si trova il parco è presente la malaria.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Chobe National Park in World Database on Protected Areas. URL consultato il 25 maggio 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

ecologia e ambiente Portale Ecologia e ambiente: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di ecologia e ambiente