Parco nazionale Hwange

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Parco nazionale Hwange
Hwange National Park
Down the water hole.jpg
Tipo di area Parco nazionale
Stati Zimbabwe Zimbabwe
Province Provincia del Matabeleland Settentrionale
Superficie a terra 14,651 km²
Provvedimenti istitutivi 1928, 1930

Il Parco nazionale Hwange è una riserva dello Zimbabwe, situata al confine con il Botswana, nell'angolo occidentale del paese. Fu riserva di caccia del capo supremo del popolo Ndebele.

Il parco si estende per una pianura di quasi 15.000 km²[1], un territorio arido che comprende una vasta parte delle sabbie del Kalahari e zone boscose ricche di teak. Il parco vanta la più alta concentrazione di grandi animali di tutta l'Africa e forse del mondo[senza fonte], sebbene la diversità sia inferiore rispetto al parco Kruger in Sudafrica.

Gran parte dello Hwange è chiuso al turismo.; i visitatori si raggruppano tutti nel nord del parco dove vi sono i campi Main camp, Sinamatella e Camp Robin; adibita all'osservazione è l'area del Little Makalolo[senza fonte].

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il parco nasce come riserva di caccia nel 1928[1], e divenne parco nazionale dal 1930[1], ed in seguito furono costruite numerose pozze artificiali stravolgendone in parte il paesaggio, ma incrementandone anche lo sviluppo turistico soprattutto nel lato nord, dove vi si trovano i principali campi[senza fonte]. Il resto dello Hwange è rimasto invece intatto.

Fauna[modifica | modifica sorgente]

Nel parco vivono 30.000 elefanti, 15.000 bufali, giraffe, zebre, diverse specie di antilopi, qui sono stati reintrodotti i rinoceronti, sia bianchi che neri. I predatori più diffusi sono leoni, leopardi e ghepardi nonché iene, licaoni e serval. Vivono qui oltre 400 specie di uccelli.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c Hwange (Wankie) National Park. World Conservation Monitoring Centre's page on Hwange