Parco naturale regionale Lama Balice

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Parco naturale regionale Lama Balice
Tipo di area Parco regionale
Stati Italia Italia
Regioni Puglia Puglia
Province Bari Bari
Comuni Bari, Bitonto.
Superficie a terra 504 ha
Provvedimenti istitutivi Decreto legislativo 14 luglio 1992 n. 352
Gestore Ente Parco Regionale di Lama Balice
Pontetiflis.JPG

Il Parco naturale regionale Lama Balice[1] è un'area protetta di 504 ettari sita in provincia di Bari.

L'area è stata identificata come parco naturale attrezzato il 24 marzo 1980. Successivamente ricompresa nell'elenco delle aree protette regionali nel 1997, è diventato parco naturale regionale con la legge regionale del 5 giugno 2007. L'area si estende nei comuni di Bari e Bitonto. La sede del parco è a Bitonto, presso l'istituto Maria Cristina di Savoia.[2]

Territorio[modifica | modifica sorgente]

Il parco regionale prende il nome dalla lama Balice che, con i suoi 37 km di lunghezza costituisce una delle più lunghe lame presenti nella provincia di Bari.[3] La lama si origina tra Ruvo di Puglia e Corato e dopo aver attraversato il territorio del comune di Bitonto termina a nord della città di Bari, presso il quartiere Fesca.

Il torrente che vi scorre era un tempo chiamato Tiflis: normalmente in secca, in occasione di precipitazioni più abbondanti si gonfia per l'apporto di acqua piovana. Il toponimo Balice è invece riconducibile al latino medievale "baligium" cioè valle, come la lama è indicata già in un documento del Libro Rosso di Bitonto[senza fonte] in cui si legge "baligium qua igitur Barium" ovvero "valle attraverso la quale si giunge a Bari".

Alcuni tratti della lama sono bassi e sinuosi, mentre altri sono ripidi e presentano una stratificazione rocciosa notevole. La natura carsica del territorio è evidente per la presenza di numerose cavità naturali alle quali si aggiunsero le caverne scavate dall'uomo, che hanno restituito resti di epoca protostorica. Tutto il bacino di Lama Balice è caratterizzato da casali medievali, chiese e masserie. Al suo interno è situata Villa Framarino, un'antica masseria, che dopo i recenti restauri è diventata sede del primo centro di documentazione barese sulla conservazione della natura.

La lama, area di sosta per l'avifauna, presenta tratti coltivati e altri che mantengono l'originaria macchia mediterranea (querce coccifere, lecci, fragni, arbusti). La lama riveste importanza anche a livello storico. Vi sono delle grotte, le cosiddette "grotte di Chianchiarello", che rappresentano delle testimonianze sulla vita paleolitica della città.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Il Parco Naturale Regionale Lama Balice è stato istituito con Legge Regionale n. 15/2007
  2. ^ Per la sua gestione nel 2008 è stata siglata una convenzione tra il Comune di Bari, il Comune di Bitonto, e la Provincia di Bari
  3. ^ Bitonto e le masserie di lama Balice. URL consultato il 31-07-2008.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]