Parco della pace

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Un Parco della pace è un'area protetta transfrontaliera che si estende attraverso i confini di due o più stati, dove i confini politici all'interno del parco sono aboliti. Ciò comporta la rimozione di qualunque tipo di confine fisico, come per esempio le aree recintate, lasciando libertà di migrazione agli animali e agli esseri umani che vivono all'interno dell'area. Intorno al parco comunque viene solitamente mantenuto un confine fisico, per evitare il passaggio di persone non autorizzate fra uno stato e l'altro.

Tali parchi sono conosciuti anche come Aree di conservazione transfrontaliera (in inglese: Transfrontier Conservation Areas o TFCAs).

La preservazione delle tradizionali vie di migrazione animale, e la garanzia di cibo e acqua sufficiente per la crescita della popolazione, sono la ragione principale per la creazione dei Parchi della pace. Essi comunque incoraggiano il turismo, lo sviluppo economico e la pacificazione tra nazioni confinanti, oltre naturalmente a rendere più agevoli gli spostamenti degli abitanti indigeni all'interno dell'area.

Parchi della pace in Africa[modifica | modifica wikitesto]

Il WWF, insieme ad Anton Rupert, costituì nel 1997 la Fondazione per i parchi della pace (Peace Parks Foundation), per facilitare ed incoraggiare lo sviluppo dei Parchi della pace. Questa fondazione è attivamente supportata, tra gli altri, da Nelson Mandela.

Lista dei parchi della pace in Africa, con fra parentesi l'anno di istituzione:

* - Il nome ufficiale non è ancora stato deciso

Fra questi il più conosciuto è il Great Limpopo Transfrontier Park, che unisce parchi nazionali di Sudafrica, Zimbabwe e Mozambico e si estende su di una superficie di 35.000 chilometri quadrati, comprendendo anche il notissimo Kruger National Park.

Parchi della pace in America[modifica | modifica wikitesto]

Il Parco internazionale della pace Waterton-Glacier, istituito nel 1932 con l'unione del Waterton Lakes National Park (in Canada) e del Glacier National Park (negli Stati Uniti) è stato il primo Parco internazionale della pace. Al contrario degli altri parchi della pace, il suo scopo principale era quello di servire da simbolo d'amicizia e pace fra le due nazioni confinanti.

Nello stesso anno venne istituito anche l'International Peace Garden, un altro parco della pace transfrontaliero fra i confini di Canada e Stati Uniti, avente lo stesso scopo. Si trova negli stati del Nord Dakota e di Manitoba.

Un terzo parco della pace, costituito sempre fra Stati Uniti e Canada, è il Peace Arch Park, che si trova tra i confini degli stati di Washington e della Columbia Britannica, famoso per la struttura chiamata Arco della Pace che si estende fra i confini dei due paesi.

Sono attualmente in corso negoziati per giungere ad un parco della pace transfrontaliero che coinvolga gli Stati Uniti e il Messico, unendo il Big Bend National Park con le aree protette messicane di Maderas del Carmen e Cañon de Santa Elena, così come si stanno compiendo sforzi per giungere all'istituzione di un parco della pace che abbracci lo Stretto di Bering fra gli Stati Uniti e la Russia.

Nel 1988, in base alle raccomandazioni dell'UNESCO, i governi di Costa Rica e Panamà dichiararono il Parco Internazionale La Amistad un parco della pace transfrontaliero.

Parchi della pace nel resto del mondo[modifica | modifica wikitesto]

Sono stati proposti numerosi altri parchi della pace in ogni parte del mondo, finora con scarsi risultati; fra questi vale la pena ricordare quello nella zona demilitarizzata fra la Corea del Nord e la Corea del Sud, e quello nella regione del ghiacciaio Siachen fra India e Pakistan.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]