Parco Virgiliano (Napoli)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 40°47′58.91″N 14°10′51.33″E / 40.799696°N 14.180926°E40.799696; 14.180926

Parco Virgiliano
Parco Virgiliano (Napoli) 6.JPG
L'interno del parco
Localizzazione
Stato Italia Italia
Località Napoli
Informazioni generali
Ingressi 1
Note da non confondere con il Parco Vergiliano a Piedigrotta

Il Parco Virgiliano, (da non confondere con il quasi omonimo parco vergiliano situato nel quartiere Chiaia) detto anche parco della Rimembranza, è un parco panoramico che sorge nel quartiere Posillipo, a Napoli.

Storia e descrizione[modifica | modifica sorgente]

Fu realizzato a cavallo degli anni venti e trenta su disposizione dell'Alto commissariato per la Provincia di Napoli e aperto nel 1930 (anno IX dell'era fascista) come parco della Vittoria o della Bellezza.

Fu in seguito definito parco della Rimembranza fino a quando, grazie all'iniziativa di Guido Della Valle, assunse il nome di Virgiliano in onore del poeta romano. Ciò non deve creare confusione con il parco Vergiliano a Piedigrotta, altrimenti detto parco della tomba di Virgilio, contenente le spoglie del poeta Giacomo Leopardi ed il sepolcro del già citato poeta.

Dopo un lungo periodo di degrado e incuria, nel 1997 fu decisa la riqualificazione del parco, il quale fu riaperto nel 2002.

Vi si accede da viale Virgilio, tramite un'entrata monumentale che conduce ad uno spiazzale nel quale campeggia una fontana di recente costruzione.

Il parco è caratterizzato da un sistema di terrazze che affacciano sul golfo concedendo ai turisti la possibilità di godere di un panorama che comprende le meraviglie principali del Golfo di Napoli altrimenti impossibili da vedere in altri punti panoramici della città.

In un solo colpo d'occhio infatti, è possibile osservare le isole di Procida, Ischia e Capri, l'isolotto di Nisida, il golfo di Pozzuoli, i quartieri di Agnano, Fuorigrotta, Rione Traiano, Pianura, l'Eremo dei Camaldoli, il golfo di Bacoli, Monte di Procida, il Vesuvio, la costa vesuviana, la Penisola Sorrentina, la Baia di Trentaremi con i suoi resti archeologici ed il centro storico di Napoli.

Nel parco sono presenti anche un anfiteatro per spettacoli aperto nel 1975 e una pista sportiva di atletica leggera aperta negli anni sessanta affidata in gestione alle associazioni di categoria.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]