Parco Ela

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Parco Ela
Parc Ela
Switzerland-Lake Marmorera.jpg
Tipo di area Parco regionale
Stato Svizzera Svizzera
Cantone Grigioni Grigioni
Comune Filisur, Lantsch/Lenz, Marmorera, Mon, Mulegns, Riom-Parsonz, Salouf, Savognin, Schmitten, Stierva, Sur, Surava, Tiefencastel, Tinizong-Rona, Davos
Superficie a terra 600 km²
Gestore Buchungsstelle Parc Ela
Mappa di localizzazione: Svizzera
Parco Ela
Sito istituzionale

Coordinate: 46°39′25.52″N 9°37′32.62″E / 46.657088°N 9.625729°E46.657088; 9.625729

Il parco Ela (in romancio Parc Ela) è il più grande parco naturale regionale della Svizzera e si trova nel Distretto dell'Albula, in Cantone dei Grigioni.

Copre un'area di circa 600 chilometri quadrati, un terzo dei quali sono costituiti da habitat specifici, come le zone umide, praterie secche e boscaglia alpina.

Nel parco si trova un ricco patrimonio culturale, la zona era già battuta nell'età del bronzo grazie ai passi dell'Albula e del Giulia, in seguito nel medioevo furono costruiti una moltitudine di castelli, chiese romaniche e barocche.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il progetto del parco è stato avviato nel 2000 dall'associazione regionale Mittelbünden con la partecipazione della Confederazione elvetica, del Cantone dei Grigioni e di Pro Natura.

Tra gennaio e aprile dell'anno 2005, ventun comuni del Cantone dei Grigioni centrale si espressero con un referendum a favore dell'istituzione di una riserva naturale.

Il 27 agosto 2005 il Parco Ela venne inaugurato a Tiefencastel.

Territorio[modifica | modifica sorgente]

Il parco occupa la regione chiamata Mittelbünden e comprende il territorio dei seguenti comuni: Alvaschein, Alvaneu, Bergün/Bravuogn, Bivio, Brienz/Brinzauls, Cunter, Filisur, Lantsch/Lenz, Marmorera, Mon, Mulegns, Riom-Parsonz, Salouf, Savognin, Schmitten, Stierva, Sur, Surava, Tiefencastel, Tinizong-Rona e Davos (frazione di Wiesen).[1]

Attrazioni[modifica | modifica sorgente]

Crap Furò[modifica | modifica sorgente]

Il Crap Furò, che in lingua romancia vuole dire Pietra forata, è uno sperone di roccia alto 60 metri, una faglia lo divide per tutta la lunghezza creando nella parte alta un foro di 2 metri di diametro. Le intemperie lo hanno plasmato per millenni dandogli l'aspetto odierno. Inoltre questa roccia viene considerata il centro del Cantone dei Grigioni

Orme preistoriche[modifica | modifica sorgente]

In questo parco vi sono impronte di dinosauri impresse nella roccia del Tinzenhorn e del Piz Ela.

Idrologia[modifica | modifica sorgente]

Dentro i confini del Parco Ela si trovano le sorgenti dell'Inn, Mera e del Giulia.

Cultura[modifica | modifica sorgente]

I primi insediamenti si possono datare prima dell'età del bronzo. Successivamente i romani lasciarono una grossa impronta su questa regione attraversata da importanti strade dei valichi alpini.

Nel Medioevo furono edificati diversi castelli e fortezze, tra cui i più degni di nota sono il Castello Belfort e il castello Rätia Ampla. Oltre a questo vi sono parecchie chiese romaniche e gotiche degne di nota

Su questo territorio passa il Bernina Express che è stato nominato Patrimonio dell'umanità dall'UNESCO come esempio di gestione tecnicamente avanzata del paesaggio di alta montagna e come una delle ferrovie a scartamento ridotto più spettacolari del mondo.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Sito ufficiale del Parc Ela

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]