Paraneetroplus synspilus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Paraneetroplus synspilus
Cichlasoma synspilum in Minsk Zoo.jpg
Stato di conservazione
Status none NE.svg
Specie non valutata
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Actinopterygii
Ordine Perciformes
Famiglia Cichlidae
Sottofamiglia Cichlasomatinae
Genere Paraneetroplus
Specie Paraneetroplus synspilus
Nomenclatura binomiale
Paraneetroplus synspilus
Hubbs, 1935

Paraneetroplus synspilus (Hubbs, 1935) è un pesce d'acqua dolce appartenente alla famiglia Cichlidae ed alla sottofamiglia Cichlasomatinae.

Habitat e Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

Proviene dai fiumi del Guatemala, del Belize e del Messico, dove sta in prossimità della foce o comunque sempre verso la fine del corso d'acqua[1]. Può sopravvivere abbastanza a lungo nell'acqua salmastra.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Presenta un corpo alto, compresso lateralmente e non allungato. Il colore di base è marrone o giallastro, che però diventa rosso-rosato sulla testa e sulla gola, soprattutto nel maschio, che è più grande[2] e che può inoltre sviluppare una vistosa gobba sopra la testa. Lungo il corpo sono distribuite irregolarmente delle macchie più scure. Le pinne sono dello stesso colore del corpo ed allungate, specialmente la pinna dorsale e quella anale. La pinna caudale non è biforcuta. La lunghezza massima registrata è di 35 cm[3].

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

Ha una dieta principalmente erbivora e si nutre quindi di alghe[4].

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

Gli esemplari di questa specie raggiungono la maturità sessuale quando le loro dimensioni si aggirano intorno ai 10 cm. È una specie ovipara ed i genitori stanno di guardia alle uova finché non si schiudono[5].

Conservazione[modifica | modifica sorgente]

Questa specie non è valutata dalla lista rossa IUCN, ma comunque non sembrano esserci particolari minacce perché non viene mai pescato per essere mangiato e raramente per l'acquariofilia[3].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ FishWisepro.com
  2. ^ cichlidae.us
  3. ^ a b FishBase
  4. ^ Scheda specifica alimentazione
  5. ^ Scheda specifica riproduzione

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci