Paradiso perduto (film 1998)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Paradiso perduto
Paradiso perduto.jpg
Una scena del film
Titolo originale Great Expectations
Paese di produzione USA
Anno 1998
Durata 111 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere drammatico, romantico
Regia Alfonso Cuarón
Soggetto Charles Dickens
Sceneggiatura Mitch Glazer
Produttore Art Linson
Fotografia Emmanuel Lubezki
Montaggio Steven Weisberg
Musiche Patrick Doyle
Scenografia Tony Burrough
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Premi

Paradiso perduto (Great Expectations) è un film del 1998 diretto da Alfonso Cuarón, tratto dal celebre romanzo di Dickens Grandi speranze.

Tra i protagonisti vi sono Gwyneth Paltrow, che interpreta il ruolo di Estella, ed Ethan Hawke, che interpreta Finnegan Bell.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Il film racconta la vita del giovane artista Finnegan Bell, nato e cresciuto in Florida, e della sua passione e morbosa ossessione per la fredda e affascinante Estella, la sua musa ispiratrice conosciuta per puro caso. Malgrado tutti e soprattutto la zia di Estella, gli dicano che lei gli spezzerà il cuore, Finn decide fin da bambino di conquistarla. Anni dopo il loro primo incontro, grazie ad un misterioso benefattore, Finn parte per New York alla ricerca della realizzazione dei suoi sogni di artista; qui incontra Estella che inizia a posare per lui. I suoi sogni iniziano a realizzarsi insieme alle sue paure!

Tratto dal romanzo di Charles Dickens "Great Expectations" (Grandi Speranze) il film di Cuaron ne riprende solo in parte la trama. Lo scenario è portato alla contemporaneità (Finn nel romanzo non andrà mai a New York, ne prenderà mai un aeroplano, vista l'ambientazione ottocentesca) ma il regista è abile a trasportarne il contenuto e soprattutto a farne rivivere le emozioni. Una storia d'amore, ma soprattutto un romanzo di vita reale, come soltanto il grande scrittore inglese sapeva costruire; queste emozioni sono elevate all'ennesima potenza grazie all'uso delle immagini (che risparmiano e facilitano il più difficile dei compiti del lettore, quello dell'immaginare), il film è un continuo batticuore, dedicato a quei sognatori indomiti nel ricercare la forza di un sentimento che alla fine trionfa sempre. Come nella migliore tradizione il romanzo batte di gran lunga la conversione cinematografica, non c'è dubbio comunque che l'idea e la realizzazione prettamente holliwoodiana della pellicola non stonino, anzi contribuiscano a far splendere di nuova luce un classico spesso dimenticato con troppa facilità.

Disegni[modifica | modifica sorgente]

Tutti i disegni e i quadri realizzati dal protagonista, sia da bambino che da adulto, sono opera del pittore italiano Francesco Clemente, artista di fama internazionale, attivo nel movimento artistico della Transavanguardia.

Il doppiaggio italiano[modifica | modifica sorgente]

L'edizione italiana del film è a cura di Renzo Stacchi per Angriservices Edizioni.

Colonna sonora[modifica | modifica sorgente]

  1. Finn - Tori Amos (Intro)
  2. Siren - Tori Amos
  3. Life in Mono - Mono
  4. Sunshower - Chris Cornell
  5. Resignation - Reef (brano che non incluso nel film)
  6. Like a Friend - Pulp
  7. Wishful Thinking - Duncan Sheik
  8. Today - Poe (brano che non incluso nel film)
  9. Lady, Your Roof Brings Me Down - Scott Weiland
  10. Her Ornament - The Verve Pipe
  11. Walk This Earth Alone - Lauren Christy
  12. Breakable - Fisher (brano che non incluso nel film)
  13. Success - Iggy Pop
  14. Slave - David Garza (brano che non incluso nel film)
  15. Uncle John's Band - Grateful Dead
  16. Besame Mucho - Cesaria Evora

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema