Pappy Boyington

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pappy Boyington
Pappy Boyington
Pappy Boyington
4 dicembre 1912 - 11 gennaio 1988
Nato a Coeur d'Alene
Morto a Fresno
Dati militari
Paese servito Stati Uniti Stati Uniti
Forza armata Globeanchor.svg United States Marine Corps
Specialità pilota di caccia
Unità VMA214-Blacksheep.svg VMF-214
Anni di servizio 1934 - 1947
Grado US-O6 insignia.svg Colonnello
Guerre seconda guerra mondiale
Campagne Seconda guerra sino-giapponese
Decorazioni

[senza fonte]

voci di militari presenti su Wikipedia

Gregory "Pappy" Boyington (Coeur d'Alene, 4 dicembre 1912Fresno, 11 gennaio 1988) è stato un militare e aviatore statunitense che prestò servizio nella United States Marine Corps come ufficiale aviatore durante la seconda guerra mondiale.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nel 1930, Boyington entrò nell'università di Washington, praticò wrestling e nuoto, terminò gli studi nel 1934 con una B. S. in ingegneria aerospaziale.[1] Lavorò quindi per la Boeing come disegnatore progettista ed ingegnere.[1]

Iniziò la sua carriera militare nel Corpo per l'addestramento di ufficiali della Riserva, nel quale divenne capitano cadetto. Nel giugno del 1934 fu nominato tenente in seconda del Corpo della Riserva dell'artiglieria costiera e prestò servizio per un paio di mesi a Fort Worden, vicino a Washington. Il 13 giugno 1935 entrò in servizio attivo nel Corpo Volontari della Riserva dei Marines, lasciandolo poi il 16 giugno dello stesso anno.[1]

Dopo l'alternarsi di diversi periodi di arruolamento nell'Aviazione dei marines, accettò un posto nella Central Aircraft Manufacturing Company (CAMCO), un'organizzazione civile che forniva personale di un'Unità Aerea Speciale per la difesa della Repubblica cinese e della Burma Road durante il secondo conflitto sino-giapponese. L'unità divenne poi nota come Gruppo Volontari Americani, le famose "Tigri Volanti", con le quali gli furono attribuiti gli abbattimenti di alcuni aerei da caccia giapponesi.

Nella primavera del 1942 sciolse il suo contratto con il Gruppo e rientrò negli Stati Uniti, ove si arruolò nel Corpo dei Marines.[1] Fu quindi assegnato all'11º Gruppo Aeronautico dei Marine. Divenne poi Ufficiale Comandante dello squadrone di caccia VMA-121, installatosi a Guadalcanal.

Successivamente comandò, con il grado di maggiore, la Marine Fighter Squadron 214 (VMF-214), reparto di volo dello United States Marine Corps, squadriglia divenuta famosa con il soprannome Blacksheep ("Le Pecore Nere"). Il velivolo con il quale compì le sue maggiori imprese fu il Corsair F4U, con il quale svolse un'intensa attività nel teatro di guerra del Pacifico. Nelle zone delle Isole Russell-Nuova Georgia e isola Bougainville-Nuova Britannia-Nuova Irlanda, Boyington abbatté 14 caccia nemici nei 32 giorni del primo turno di combattimento del suo squadrone. Entro fine dicembre il suo record era salito a 25 aerei nemici abbattuti.[1] Un fatto tipico fu il suo coraggioso attacco all'aeroporto di Kahili, nella zona meridionale dell'isola di Bougainville il 17 ottobre 1943. Lui, con 24 aerei da caccia, sorvolò in circolo l'aeroporto dov'erano attestati 60 aerei nemici, sfidando il nemico al combattimento. Nella feroce battaglia che seguì furono abbattuti 20 caccia nemici mentre lo squadrone delle "Pecore Nere" rientrò alla base senza alcuna perdita.[1]

Lo squadrone di Boyington, stanziatosi a Vella Lavella, si offrì di abbattere un caccia giapponese Zero per ogni berretto da baseball inviato loro dai giocatori della World Series: essi ricevettero 20 berretti ed abbatterono molti più aerei nemici.

Boyington raggiunse il record americano di abbattimenti, con il numero di 26 velivoli nemici abbattuti, il 3 gennaio 1944 sopra il cielo di Rabaul, ma il giorno successivo venne abbattuto anche il suo aereo .

Dopo una ricerca lunga ma vana, Boyington venne dichiarato disperso in combattimento; egli venne recuperato da un sommergibile giapponese, catturato come prigioniero di guerra e trasportato a Rabaul (il sommergibile che lo raccolse in mare venne affondato 13 giorni dopo la sua cattura). Nelle sue memorie Boyington sostiene che lo status vero e proprio di prigioniero di guerra non gli venne mai riconosciuto dai giapponesi ed il suo nome non venne comunicato alla Croce Rossa. Egli trascorse il resto del tempo che mancava alla fine del conflitto (circa 20 mesi) in diversi campi di concentramento giapponesi per prigionieri di guerra: prima, provvisoriamente, a Rabaul, poi alle Isole Chuuk, quindi al campo di Ōfuna ed infine a quello di Ōmori, vicino a Tokyo.

Per le sue imprese eroiche, gli sono state concesse le più alte onorificenze del Congresso, ta le quali la prestigiosa Medal of Honor and the Navy Cross e dopo la fine del conflitto si congedò con il grado di colonnello.

Boyington poco dopo aver ricevuto la Medal of Honor

Boyngton aveva un carattere duro e difficile, noto per il suo scarso rispetto per l'ortodossia. Era anche un forte bevitore, vizio che lo tormentò negli anni del dopoguerra e che forse fu anche una delle cause dei suoi numerosi divorzi. Lui stesso ammetteva apertamente, che, nei due anni trascorsi come prigioniero di guerra, la sua salute era migliorata notevolmente a causa della forzosa sobrietà cui fu costretto. Egli esercitò da civile numerose attività fra le quali anche quelle di arbitro e di lottatore professionista di wrestling.[1]

Nel 1957 fece la sua comparsa come ospite sfidante nella trasmissione televisiva To Tell The Truth.

Divenne popolare nella metà degli anni settanta grazie alla serie televisiva La squadriglia delle pecore nere (Baa Baa Black Sheep), drammatizzazione delle vicende del suo squadrone, che tuttavia fu piuttosto poco aderente a quanto egli stesso aveva raccontato in un libro di sue memorie sul tema. Il suo personaggio fu interpretato da Robert Conrad.

Oltre alla sua autobiografia, Boyington scrisse un romanzo sul Gruppo dei Volontari Americani. Tonya è una spy story con protagonisti che rappresentano individui realmente esistiti, i nomi dei quali sono alterati mediante semplici trasposizioni di lettere e/o anagrammi.[1]

Boyington fu un padre assente per i tre figli, che aveva avuto dalla sua prima moglie. Una sua figlia, Janet Boyington, si suicidò,[2] uno dei figli, Gregory Boyington Jr. divenne ufficiale dell'Aeronautica Militare Americana nel 1960, frequentandone l'Accademia nella Contea di El Paso in Colorado e terminò la sua carriera con il grado di tenente colonnello.[3]

Accanito fumatore, Boyington morì nel sonno, probabilmente a seguito di complicazioni dovute ad un tumore, all'età di 75 anni a Fresno in California.[4]

La sua salma venne inumata nel Cimitero militare nazionale di Arlington in Virginia il 15 gennaio 1988, nel loculo 7A-150, con tutti gli onori dovuti ad un decorato con Medal of Honor, compresa un'esibizione celebrativa funebre detta Missing man formation ("Formazione in onore del deceduto"), eseguita da cacciabombardieri F-4 Phantom II di stanza nella base aeronautica del Corpo dei Marine di Andrews.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Medal of Honor - nastrino per uniforme ordinaria Medal of Honor
«vedi testo sotto esplicitato»
Navy Cross - nastrino per uniforme ordinaria Navy Cross
Purple Heart - nastrino per uniforme ordinaria Purple Heart
Combat Action Ribbon - nastrino per uniforme ordinaria Combat Action Ribbon
Presidential Unit Citation - nastrino per uniforme ordinaria Presidential Unit Citation
American Defense Service Medal - nastrino per uniforme ordinaria American Defense Service Medal
American Campaign Medal - nastrino per uniforme ordinaria American Campaign Medal
Asiatic-Pacific Campaign Medal - nastrino per uniforme ordinaria Asiatic-Pacific Campaign Medal
World War II Victory Medal - nastrino per uniforme ordinaria World War II Victory Medal

Motivazione del conferimento della Medal of Honor[modifica | modifica sorgente]

(EN)
« The President of the United States in the name of The Congress takes pleasure in presenting the Medal of Honor to
MAJOR GREGORY BOYINGTON

UNITED STATES MARINE CORPS RESERVE

for service as set forth in the following CITATION:

For extraordinary heroism above and beyond the call of duty as Commanding Officer of Marine Fighting Squadron TWO FOURTEEN in action against enemy Japanese forces in Central Solomons Area from September 12, 1943 to January 3, 1944. Consistently outnumbered throughout successive hazardous flights over heavily defended hostile territory, Major Boyington struck at the enemy with daring and courageous persistence, leading his squadron into combat with devastating results to Japanese shipping, shore installations and aerial forces. Resolute in his efforts to inflict crippling damage on the enemy, Major Boyington led a formation of twenty-four fighters over Kahili on October 17, and, persistently circling the airdrome where sixty hostile aircraft were grounded, boldly challenged the Japanese to send up planes. Under his brilliant command, our fighters shot down twenty enemy craft in the ensuing action without the loss of a single ship. A superb airman and determined fighter against overwhelming odds, Major Boyington personally destroyed 26 of the many Japanese planes shot down by his squadron and by his forceful leadership developed the combat readiness in his command which was a distinctive factor in the Allied aerial achievements in this vitally strategic area. »

(IT)
« Il Presidente degli Stati Uniti, in nome del Congresso ha il piacere di presentare la Medaglia d'Onore al
MAGGIORE GREGORY BOYINGTON

CORPO DI RISERVA DEI MARINE DEGLI STATI UNITI

per i servizi prestati come dalla seguente CITAZIONE:

Per lo straordinario eroismo al di sopra ed oltre le prestazioni richieste dal servizio come Ufficiale Comandante dello Squadrone da Combattimento dei Marine DUE QUATTORDICI in azione contro le forze nemiche del Giappone nella Zona Centrale delle Isole Salomone dal 12 settembre 1943 al 3 gennaio 1944. In consistente inferiorità numerica, attraverso successivi pericolosi voli sul fortemente difeso territorio nemico, il Maggiore Boyington colpì il nemico con coraggiosa pervicacia, guidando il suo squadrone in combattimento con risultati devastanti per i trasporti navali, le installazioni costiere e le forze aeree giapponesi. Risoluto nel suo sforzo per infliggere significativi danni al nemico, il Maggiore Boyington condusse una formazione di ventiquattro caccia su Kahili il 17 ottobre e, percorrendo più volte in cerchio il cielo dell'aeroporto, ove erano parcheggiati sessanta velivoli nemici, sfidò arditamente i giapponesi a portare in volo i loro aeroplani. Sotto il suo brillante comando i nostri caccia abbatterono venti velivoli nemici nella susseguente azione, senza perdere uno solo dei nostri aerei. Superbo pilota e combattente determinato contro forze preponderanti, il Maggiore Boyington abbatté personalmente 26 dei numerosi velivoli giapponesi abbattuti dal suo squadrone e con la sua efficace attitudine al comando sviluppò con il suo comando la prontezza nel combattimento che fu un fattore di distinzione nei successi aerei alleati in questa zona strategicamente vitale. »

(S/ Franklin D. Roosevelt[5])

Opere[modifica | modifica sorgente]

Boyington nella fiction[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f g h (EN) Who's Who in Marine Corps History, History Division, United States Marine Corps.
  2. ^ (EN) Bruce Gamble, Black Sheep One: The Life of Gregory "Pappy" Boyington, p.423
  3. ^ [1]
  4. ^ (EN) Burt A. Folkart, Flying Ace Pappy Boyington, Who Shot Down 28 Zeros, Dies at 75 in Los Angeles Times, 12 gennaio 1988. URL consultato il 22 agosto 2011.
  5. ^ (EN) Medal of Honor recipients in World War II (A–F), United States Army Center of Military History, 8 giugno 2009. URL consultato l'8 giugno 2009.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 85330799 LCCN: n88054552