Papiro 32

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Papiro 32
Manoscritto del Nuovo Testamento

Tito 1:11-15
Nome Papiro Rylands 5
Simbolo \mathfrak{p}32
Testo Lettera a Tito 1-2
Datazione 200 circa
Scrittura lingua greca
Ritrovamento Egitto
Conservazione John Rylands University Library
Editio princeps A. S. Hunt, Catalogue of the Greek Papyri in the John Ryland Library I, Literatury Texts (Manchester 1911), pp. 10-11
Dimensione 10.6 x 4.9 cm
Tipo testuale alessandrino
Categoria I

Il Papiro 32 (\mathfrak{p}32 nella numerazione Gregory-Aland) è un frammento di un manoscritto papiraceo del Nuovo Testamento in lingua greca, datato paleograficamente al tardo II secolo.[1] Contiene i versetti 1:11-15 e 2:3-8 della Lettera a Tito.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

\mathfrak{p}32 è scritto in lettere tondeggianti e piuttosto larghe, con una leggera tendenza a dividere le parole. I nomina sacra sono abbreviati.[2]

Il testo è rappresentativo del tipo testuale alessandrino; Kurt Aland lo inserì nella categoria I.[3] Il manoscritto tende a concordare col Codex Sinaiticus e con F e G.[1]

Si trova alla John Rylands University Library (Gr. P. 5) a Manchester, insieme ai Rylands Papyri.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Philip W. Comfort and David P. Barrett. The Text of the Earliest New Testament Greek Manuscripts. Wheaton, Illinois: Tyndale House Publishers Incorporated, 2001, p. 135.
  2. ^ A. S. Hunt, Catalogue of the Greek Papyri in the John Ryland Library I, Literatury Texts (Manchester 1911), p. 10.
  3. ^ a b Kurt Aland e Barbara Aland, The Text of the New Testament: An Introduction to the Critical Editions and to the Theory and Practice of Modern Textual Criticism, traduzione Erroll F. Rhodes, William B. Eerdmans Publishing Company, Grand Rapids, Michigan, 1995, p. 98.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]