Papiro 30

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Papiro 30
Manoscritto del Nuovo Testamento

Prima lettera ai Tessalonicesi, 5:8-10
Nome P. Oxy. 1598
Simbolo \mathfrak{p}30
Testo 1 Tess 4-5 †; 2 Tess 1-2 †
Datazione III secolo
Scrittura lingua greca
Ritrovamento Ossirinco, Egitto
Conservazione Ghent University
Editio princeps B. P. Grenfell & A. S. Hunt, Oxyrynchus Papyri’' X, (London 1914), pp. 16-18
Dimensione 16 x 12 cm
Tipo testuale alessandrino
Categoria I

Il Papiro 30 (\mathfrak{p}30) è un antico manoscritto papiraceo, datato paleograficamente al III secolo, e contenente frammenti della Prima lettera ai Tessalonicesi (4:12-5:18. 25-28) e della Seconda lettera ai Tessalonicesi (1:1-2;2:1.9-11) in lingua greca.[1]

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Il manoscritto è redatto con notevole cura[2] in grandi lettere onciali; i nomina sacra sono abbreviati. Il numero delle pagine suggerisce che il manoscritto fosse una collezione di lettere di Paolo.[3]

È un rappresentante del tipo testuale alessandrino (o, piuttosto, proto-alessandrino). Kurt Aland lo collocò nella categoria I.[1] Secondo Comfort, che lo data al III secolo, questo manoscritto presenta le maggiori concordanze col Codex Sinaiticus, seguito dal Codex Vaticanus (11 varianti su 13).[2]

Secondo Grenfell, concorda quattro volte col Vaticanus (B) contro Sinaiticus (א) e Alexandrinus (A), una volta con B e A contro א, due volte con א e A contro B, e una volta con א contro B e A.[3]

È correntemente conservato alla Ghent University (Inv. 61) a Gand.[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c Kurt Aland, Barbara Aland; Erroll F. Rhodes (trad.), The Text of the New Testament: An Introduction to the Critical Editions and to the Theory and Practice of Modern Textual Criticism, Grand Rapids, William B. Eerdmans Publishing Company, 1995, p. 97, ISBN 978-0-8028-4098-1.
  2. ^ a b Philip W. Comfort and David P. Barrett. The Text of the Earliest New Testament Greek Manuscripts. Wheaton, Illinois: Tyndale House Publishers Incorporated, 2001, p. 128.
  3. ^ a b B. P. Grenfell & A. S. Hunt, Oxyrynchus Papyri XIII, (London 1919), p. 12.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]