Papiro 27

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Papiro 27
Manoscritto del Nuovo Testamento
Nome P. Oxy. 1355
Simbolo \mathfrak{p}27
Testo Lettera ai Romani 8:12-22.24-27; 8:33-9:3.5-9
Datazione III secolo
Scrittura greco
Ritrovamento Ossirinco, Egitto
Conservazione Cambridge University Library
Editio princeps B. P. Grenfell & A. S. Hunt, Oxyrynchus Papyri XI, (London 1915), pp. 9-12
Dimensione 13 x 25 cm
Tipo testuale alessandrino
Categoria I

Il Papiro 27 (\mathfrak{p}27) è un antico manoscritto papiraceo, datato paleograficamente al III secolo,[1] e contenente un frammento del testo della Lettera ai Romani (8:12-22.24-27; 8:33-9:3.5-9) in lingua greca.[1]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il testo è rappresentativo del tipo testuale alessandrino. Kurt Aland lo collocò nella categoria I.[2] Lo scriba che lo redasse potrebbe aver composto anche \mathfrak{p}20

Il manoscritto mostra concordanze con il Codex Sinaiticus, il Codex Vaticanus e altri testimoni alessandrini.[1]

È correntemente conservato alla Cambridge University Library (Add. 7211) a Cambridge.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Philip W. Comfort and David P. Barrett. The Text of the Earliest New Testament Greek Manuscripts. Wheaton, Illinois: Tyndale House Publishers Incorporated, 2001, p. 119.
  2. ^ a b Kurt Aland, Barbara Aland; Erroll F. Rhodes (trad.), The Text of the New Testament: An Introduction to the Critical Editions and to the Theory and Practice of Modern Textual Criticism, Grand Rapids, William B. Eerdmans Publishing Company, 1995, p. 97, ISBN 978-0-8028-4098-1.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]