Papio ursinus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Babbuino nero
Papio ursinus - cape of good hope.JPG
Papio ursinus
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Superordine Euarchontoglires
(clade) Euarchonta
Ordine Primates
Sottordine Haplorrhini
Infraordine Simiiformes
Parvordine Catarrhini
Superfamiglia Cercopithecoidea
Famiglia Cercopithecidae
Sottofamiglia Cercopithecinae
Tribù Papionini
Genere Papio
Specie P. ursinus
Nomenclatura binomiale
Papio ursinus
(Kerr[1], 1792

Il Babbuino nero (Papio ursinus) è un primate della famiglia Cercopithecidae.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

È la specie di babbuino di dimensioni maggiori: il peso varia tra 15 e 31 kg, la lunghezza del corpo può raggiungere 115 cm, quella della coda i 70 cm. Come nelle altre specie di babbuini i maschi hanno dimensioni nettamente superiori a quelle delle femmine e canini più sviluppati, ma, a differenza delle altre specie, non hanno criniera sulle spalle.
Il colore è marrone scuro sul lato dorsale e più chiaro sul lato ventrale; le estremità degli arti sono generalmente nere. Il muso sporgente e glabro è nero o violetto scuro. Il colore può variare tra le popolazioni delle diverse regioni.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

La specie è diffusa in Africa meridionale: l’areale comprende Angola, Botswana, Mozambico, Namibia, Zambia e Sudafrica

Gli habitat sono la savana, la steppa e la foresta aperta.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Come gli altri babbuini la specie è onnivora: la dieta si basa soprattutto sulla frutta, ma comprende anche foglie, semi, insetti e piccoli vertebrati.

Vivono in genere in gruppi misti, costituiti da più maschi adulti, un maggior numero di femmine e cuccioli, anche se alcune popolazioni in Sudafrica formano gruppi con un solo maschio adulto. Hanno complessi sistemi di comunicazione, sia vocali sia gestuali.

La gestazione dura sei mesi e nasce un solo piccolo, che raggiunge la maturità sessuale tra i tre e cinque anni di età. La massima longevità osservata in cattività è stata 45 anni, ma in natura è certamente minore.

Stato di conservazione[modifica | modifica wikitesto]

L'ampiezza dell'areale e la numerosità della popolazione fa sì che la specie non sia minacciata. I babbuini neri possono costituire un problema per i danni che causano alle coltivazioni.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Robert Kerr è stranamente citato come l'autorità, per questa come per molte altre specie, non perché ne sia stato lo scopritore, ma solo in quanto traduttore dei primi due tomi del Sistema naturae di Linneo, che molti preferivano leggere nella sua traduzione inglese e non in originale.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi