Papianilla (moglie di Sidonio Apollinare)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Papianilla (floruit V secolo; ... – ...) fu una nobildonna romana, imparentata con l'aristocrazia gallo-romana del V secolo.

Era la figlia di Avito e la sorella di Agricola e di Ecdicio Avito; era imparentata con l'omonima moglie del prefetto Tonanzio Ferreolo.

Prima dell'ascesa al trono imperiale di suo padre, avvenuta nel 455, Papianilla sposò il poeta, politico e aristocratico gallo-romano Gaio Sollio Sidonio Apollinare, dal quale ebbe quattro figli: Apollinare, Severiana, Roscia e Alcima.

Papianilla acquistò per il marito la proprietà conosciuta come Aviaticum[1] in Alvernia. Suo marito donò l'argenteria della loro casa ai poveri, ma lei lo criticò e la riacquistò.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 45°39′41.77″N 2°58′44.67″E / 45.661604°N 2.979076°E45.661604; 2.979076 (Aviaticum)
  2. ^ Gregorio di Tours, Storia dei Franchi, II, 22.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]