Paolo Maurizio Ferrari

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Paolo Maurizio Ferrari (Modena, 29 settembre 1945) è un ex terrorista italiano, appartenuto alle Brigate Rosse. Non si è mai dissociato dalla lotta armata, e per questo è stato soprannominato dai mass-media ultimo degli irriducibili.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Figlio di padre ignoto[1], fu affidato a nove mesi dalla madre naturale a don Zeno Saltini, futuro fondatore della comunità di Nomadelfia e trascorse l'infanzia e l'adolescenza nella comunità.

Nel 1968 lasciò Nomadelfia per trasferirsi a Milano dove, con l'aiuto dello stesso Saltini, trovò lavoro come operaio alla Pirelli, entrando in contatto con la "brigata di fabbrica" costituita dalle nascenti Brigate Rosse.

Attività terroristica[modifica | modifica sorgente]

Licenziato dall'azienda, Ferrari divenne un militante regolare delle BR e si trasferì a Torino, dove partecipò ai sequestri del sindacalista della CISNAL Bruno Labate e del dirigente FIAT Ettore Amerio.

Il 27 maggio 1974 fu arrestato a Firenze, pochi giorni dopo il rilascio di Mario Sossi, del cui sequestro fu ritrovata una copia della rivendicazione sull'auto di Ferrari.

Paolo Maurizio Ferrari fu il primo arrestato del cosiddetto "nucleo storico" delle BR, e nel 1978 ne fu il "portavoce" durante il processo di Torino. Fu condannato a ventun anni di carcere per sequestro di persona e rapina, e ricevette altri anni di condanna per avere preso parte alla violenta rivolta nel carcere dell'Asinara nel 1979.

Situazione attuale[modifica | modifica sorgente]

Paolo Maurizio Ferrari non si è mai dissociato dalla lotta armata[2] e non ha mai beneficiato del regime di semilibertà; è uscito dal carcere soltanto nel 2004, dopo trent'anni di detenzione.

Nel giugno del 2007 ha preso parte ad una manifestazione contro il regime del 41bis tenutasi presso il carcere dell'Aquila.

Il 26 gennaio 2012 è stato arrestato con nell'ambito di un'indagine sugli scontri relativi al progetto della galleria di base Torino-Lione[3]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Il Tirreno
  2. ^ Articolo
  3. ^ L'ex Br Paolo Ferrari l'ultimo irriducibile - Torino - Repubblica.it

Fonti[modifica | modifica sorgente]

  • Torna libero Maurizio il rosso - primo br arrestato, ultimo ad uscire, La Repubblica, 7 maggio 2004
  • Ferrari, un ex br organizza la protesta - trent'anni in carcere senza un permesso, La Repubblica, 4 giugno 2007
biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie