Paolo Emilio Cesi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Paolo Emilio Cesi
cardinale di Santa Romana Chiesa
CardinalCoA PioM.svg
Nato 1481, Cesi
Creato cardinale 1º luglio 1517 da papa Leone X
Deceduto 5 agosto 1537, Roma

Paolo Emilio Cesi (Cesi, 1481Roma, 5 agosto 1537) è stato un cardinale italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Figlio del nobile romano Angelo Cesi e di Francesca Cardoli, fratello del cardinale Federico Cesi e parente dei due cardinali di nome Pierdonato Cesi e del cardinale Bartolomeo Cesi. Terminati gli studi, si recò a Roma, dove fu notaio del Concilio Lateranense V. Fu anche protonotario apostolico e reggente della Cancelleria Apostolica.

Nel concistoro del 1º luglio 1517 papa Leone X lo elevò alla dignità cardinalizia e il 6 luglio dello stesso anno gli conferì la diaconia di San Nicola fra le Immagini. Il 6 febbraio 1520 fu nominato amministratore apostolico dell'arcidiocesi di Lund, a cui rinunziò il 12 luglio 1521.

Partecipò al conclave del 1521-1522 che elesse papa Adriano VI.

Fu amministratore apostolico della diocesi di Sion dal 12 novembre 1522 all'8 settembre 1529. Fu nominato anche amministratore apostolico di Todi il 1º giugno 1523, ma il 12 giugno dello stesso anno rinunciò a favore del fratello Federico.

Partecipò al conclave del 1523 che elesse papa Clemente VII. Fu nominato amministratore apostolico di Narni il 20 maggio 1524, ma il 1º giugno dello stesso anno rinunciò a favore del nipote Bartolomeo. Il 7 aprile 1525 fu nominato anche amministratore apostolico di Orte e Civita Castellana, diocesi che tene fino alla morte e a cui aggiunse nel 1525 la diocesi di Cervia, che il 23 marzo 1528 cedette a Ottavio Cesi.

Nel sacco di Roma del 1527 perse tutti i suoi beni; nel 1529, in assenza del papa, fu nominato governatore di Roma.

Il 6 ottobre 1529 fu nominato amministratore apostolico della diocesi di Massa Marittima, a cui rinunziò il 21 ottobre 1530.

Il 5 settembre 1534 optò per la diaconia di Sant'Eustachio. Sempre sotto il pontificato d Clemente VII fu prefetto del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica.

Partecipò al conclave del 1534 che elesse papa Paolo III.

Morì a Roma e fu sepolto nella basilica di Santa Maria Maggiore.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]