Paolo Corsini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo giornalista, vedi Paolo Corsini (giornalista).
Paolo Corsini
Corsini Paolo Sindaco di Brescia.jpg

Sindaco di Brescia
Durata mandato 1992 –
dicembre 1994
Predecessore Gianni Panella
Successore Mino Martinazzoli

Durata mandato 13 dicembre 1998 –
14 aprile 2008
Predecessore Mino Martinazzoli
Successore Adriano Paroli
Coalizione DS, La Margherita, Verdi, Civica Corsini
on. Paolo Corsini
Bandiera italiana
Parlamento italiano
Camera dei deputati
Luogo nascita Adro (Brescia)
Data nascita 9 dicembre 1947
Titolo di studio Laurea in lettere classiche
Professione Docente universitario
Partito Democratici di Sinistra, Partito Democratico
Legislatura XIII, XVI
Gruppo L'Ulivo
Circoscrizione IV Lombardia 2
Collegio 24 Brescia-Flero
Incarichi parlamentari
  • Componente della III commissione permanente (affari esteri e comunitari) della Camera dei deputati dal 2008
Pagina istituzionale
sen. Paolo Corsini
Bandiera italiana
Parlamento italiano
Senato della Repubblica
Luogo nascita Adro (Brescia)
Data nascita 9 dicembre 1947
Titolo di studio Laurea in lettere classiche
Professione Docente universitario
Partito PD
Legislatura XVII
Gruppo Partito Democratico
Coalizione Italia. Bene Comune
Circoscrizione Lombardia
Incarichi parlamentari
  • Vicepresidente della 3ª Commissione permanente (Affari esteri, emigrazione)
  • Membro della Delegazione parlamentare italiana presso l'Assemblea del Consiglio d'Europa
Pagina istituzionale

Paolo Corsini (Adro, 9 dicembre 1947) è un politico italiano.

Laureato in lettere classiche, è docente di Storia moderna al Dipartimento di storia della Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università di Parma.

È sindaco di Brescia dal settembre 1992 al giugno 1994, in seguito nella giunta di Mino Martinazzoli è vicesindaco dal novembre 1994 al marzo 1996, quando si dimette per candidarsi a deputato. Eletto per il Partito Democratico della Sinistra, è capogruppo per il suo partito nella Commissione Stragi.

Nel giugno 1998 viene rieletto sindaco di Brescia al ballottaggio con il 53,1% dei voti, nell'aprile del 1999 si dimette da deputato per potersi dedicare a tempo pieno al governo della sua città. Nel giugno 2003 è riconfermato alla carica con il 53,7% dei suffragi al ballottaggio.

Dopo i due mandati esecutivi come sindaco della città lombarda viene eletto come deputato a Montecitorio, nelle file del Partito Democratico, nelle elezioni politiche dell'aprile 2008, nella circoscrizione Lombardia 2. Nell'occasione delle consultazioni elettorali del febbraio 2013 è eletto al Senato nelle file dello stesso partito dopo essere stato tra i vincitori delle primarie. Attualmente è membro della Commissione Affari Esteri e dell'Assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
— 27 dicembre 2007[1]
Grande ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Grande ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
— 2 giugno 2000[2]
Commendatore dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
«Di iniziativa del Presidente della Repubblica»
— 20 maggio 1994[3]

Opere[modifica | modifica sorgente]

  • Mondo cattolico e fascismo (1919-1929), in "Humanitas", 3, 1977, pp. 222-241
  • Sapere storico e insegnamento della storia in Aa.Vv., L'insegnamento della storia. Questioni epistemologiche e didattiche, Brescia, Fondazione "Clementina Calzari Trebeschi", 1978, pp. 215-246
  • Storiografia, Milano, Accademia, 1979, pp. 286
  • Brescia. Cattolici a confronto: fede, politica e società civile (con Franco Molinari e Daniele Montanari), Esine, San Marco, 1979
  • Storia e scienze sociali nel recente dibattito metodologico, in Aa. Vv., Brescia nell'età delle Signorie, Brescia, Grafo, 1980, pp. 221-238
  • I. Nicoletto,Lettere dal carcere, dal confino, dall'esilio (pref. di P.Spiano), (testo e note a cura di P. Corsini - M. Magri), Brescia, Micheletti, 1980, pp. XXXVII, 216
  • Il riscatto del passato. La storia orale: quasi un bilancio, in "Studi Bresciani", 2, 1980, pp. 21-52
  • Lo spirito assoluto in cattedra. Per una discussione sulla riforma Gentile, ibidem, 3, 1980, pp. 69-85
  • Linee di orientamento per la definizione di una proposta di politica culturale della Queriniana, in Comune di Brescia, Progetto Queriniana: proposte e documenti, Brescia, Comune di Brescia, 1980, pp. 20-27
  • Il colera a Brescia nel 1836: per una storia sociale della medicina, in "Studi Bresciani", 5, 1981, pp. 7-43
  • I. Nicoletto, Anni della mia vita (testo, appendice, note a cura di P. Corsini - G. Sciola), Brescia, Micheletti, 1981, pp. XIX, 427
  • Moriremo in galera, ma in camicia nera: alle origini del neofascismo bresciano, in "Studi Bresciani", n.s., 7, 1982, pp. 15-44
  • Epidemia e salute pubblica: il colera del 1836 (con L. Graz), Brescia, Grafo, 1982, pp.32
  • Da Salò a Piazza della Loggia. Blocco d'ordine, neofascismo, radicalismo di destra a Brescia (1945-1974) (con R. Chiarini), Milano, Angeli, 1983, pp. 450
  • La Bassa Bresciana nella guerra e nella Resistenza. Dinamiche sociali, ammassi e mercato nero, in "Annali" dell'Istituto "Alcide Cervi", 4, 1982 (1983). pp. 279-314
  • Dal telescopio al microscopio. Indiziario e non detto in un saggio di Carlo Ginzburg, in Aa. Vv., Filosofia, sapere, insegnamento, Brescia, Paideia, 1983, pp. 152-182
  • Il mondo contadino della Bassa bresciana tra guerra e Resistenza. Dinamiche socio-economiche, programmi di politica agraria, contributo alla lotta di liberazione, in "Studi Bresciani", n.s., 10/11, 1983, pp. 73-139
  • Dall'Archivio di storia della Resistenza alla Fondazione "Luigi Micheletti", in La Fondazione "Luigi Micheletti" (a cura di P. Corsini - P.P. Poggio - G. Porta), Brescia, Micheletti, 1984, pp. 11-26
  • Alberto Trebeschi: profilo di un intellettuale comunista 1937-1974, in A. Trebeschi, Scritti 1962-1974. Diario, lettere, interventi (a cura di C. Bragaglio - P. Corsini), Brescia, Micheletti, 1984, pp. 9-51
  • Il neofascismo bresciano tra "doppiopetto" e "alternativa rivoluzionaria" (1969-1974), in Aa. Vv., L'eversione nera: cronache di un decennio (1974-1984) (a cura di P. Corsini - L. Novati), Milano, Angeli, 1985, pp. 171-219
  • La storia locale: un paese nella storia, in Aa. Vv., Rezzato (a cura di P. Corsini), Brescia, Comune di Rezzato, 1985, pp. 17-38
  • La città ferita. Testimonianze, riflessioni, documenti sulla strage di piazza della Loggia (a cura di R. Chiarini - P. Corsini, con una lettera di Sandro Pertini), Brescia, Centro bresciano dell'antifascismo e della Resistenza, 1985, pp. 158
  • Movimento cattolico e società bresciana: un "caso" esemplare di costruzione dell'egemonia (1878-1902), in "Storia in Lombardia", 2, 1985, pp. 31-57
  • La lotta politica a Brescia all'avvento del fascismo, in "Annali" della Fondazione "Luigi Micheletti", 1, 1985, pp. 35-80
  • Sull'utilità e il danno della storia locale per gli studi storici, in "Studi Bresciani", n.s., 15, 1984 (1985), pp. 49-70
  • La destra neofascista in Italia tra politica ed eversione, in "Notiziario dell'Istituto storico della Resistenza di Cuneo e provincia", 30, 1986, pp. 41-47
  • Berlinguer oggi (a cura di P. Corsini - M. De Angelis), Roma, "l'Unità", 1987, pp.176
  • Il feudo di Augusto Turati. Fascismo e lotta politica a Brescia (1922-1926) (pref. di N. Tranfaglia), Milano, Angeli, 1988, pp. XX, 955
  • Il declino comunista tra caso italiano e modello europeo, in "Città & Dintorni", 11/12, 1988, pp. 43-55
  • Padre Bevilacqua e il fascismo a Brescia, in "Città & Dintorni", 10, 1988, pp. 25-30
  • La nascita della Repubblica: dalla Costituente alla Costituzione, in P. Corsini - G. Giugni - P. Scoppola, Quarantennale della Costituzione della Repubblica italiana, Brescia, "La Cittadina", 1989, pp. 7-30
  • Introduzione a Aa.Vv., La Sinistra in Europa (a cura di P. Corsini), Milano, Angeli, 1989, pp. 13-21
  • La rivoluzione francese tra ideologia e storia in "Storia e documenti", 2, 1989, pp. 37-43
  • Introduzione a Carpenedolo '900. Economia, società e politica nella prima metà del secolo (a cura di P. Corsini), Brescia, Grafo, 1990, pp. 7-16
  • Il "prete di campagna" e il suo editore. Alle origini della collaborazione tra Don Primo Mazzolari e Vittorio Gatti (1928-1935), in "Storia in Lombardia", 2, 1990, pp. 75-126
  • La guerra civile nei notiziari della Gnr e nella propaganda della Rsi, in Aa. Vv.,Guerra, guerra di liberazione, guerra civile (a cura di M. Legnami - F. Vendramini), Milano, Angeli, 1990, pp. 245-298
  • "In cammino verso il comunismo": L'apprendistato politico dell'operaio Luigi Abbiati (1897-1921), in "Storia in Lombardia", 3, 1990, pp. 95-134
  • Rosso di sera. Interventi tra storia e politica (1986-1990), Brescia, Città & Dintorni, 1990, pp. 195
  • "Lavorare e tacere". Industria ed operai a Brescia (1940-1943), in "Annali" della Fondazione "Luigi Micheletti", 5, 1990-1991, pp. 587-626
  • Il Pci e la questione cattolica (1921-1991), in "Città & Dintorni", 28/29, 1991, pp. 5-30
  • Avversi al regime. Una famiglia comunista negli anni del fascismo (con G.F. Porta), Roma, Editori Riuniti, 1992, pp. XXV, 374
  • La critica, la delusione, la speranza: l'itinerario culturale dell'ultimo Lombardo Radice, in "Riforma della Scuola", 12, 1992, pp. 56-57
  • Materiali per lo studio del collaborazionismo conservati presso la Fondazione Micheletti, in "Annali" della Fondazione "Luigi Micheletti", 6, 1992 (1993), pp. 185-214
  • Pietro Tamburini e il giansenismo lombardo (a cura di P. Corsini - D. Montanari), Brescia, Morcelliana, 1993, pp.
  • Il Museo di Brescia tra passato e futuro, in Città & Dintorni, 44, 1994, pp. 57-61
  • Omaggio a Bruno Boni, in "Commentari dell'Ateneo di Brescia", 1999, pp. 67-73
  • Produzione della norma, governo della città, Brescia, Grafo, 1999, pp. 284
  • Berlinguer Enrico, in Aa. Vv., Enciclopedia della sinistra europea (diretta da A. Agosti), Roma, Editori Riuniti, 2000, pp. 32-35
  • La città tra comunità e mercato, Brescia, Grafo, 2002, pp. 249
  • Biografie della città. Civitas, ricordo, memoria, Brescia, Grafo, 2003, pp. 259
  • Passato, presente e destino della brescianità, in Aa. Vv., Studi di storia moderna e contemporanea in onore di Mons. Antonio Fappani, Brescia, Grafo, 2003, pp. 23-29
  • Dalla Loggia. Tra cronaca e storia, Brescia, Grafo, 2005, pp. 420
  • Città e pratica mafiosa: il caso di Brescia, in I. Testoni (a cura di), Cosa nostra e l'uso dell'uomo come cosa. Riflessioni su mafia e deumanizzazione, Milano, Angeli, 2007, pp. 133-144
  • Sulle ali della Vittoria. Tracce di una politica per la cultura (1998-2008), Brescia, Grafo, 2008, pp. 410
  • Esercizi di lettura. Tra storia e politica. Brescia, Grafo, 2010, pp. 431
  • Mino Martinazzoli: l'intelligenza degli avvenimenti, il carisma della parola, in "Humanitas",6, 2011, pp. 1092-1106
  • Mino Martinazzoli. Valore e limite della politica, Assisi, Cittadella, 2012, pp. 195

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.
  2. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.
  3. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Incarichi[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Sindaco di Brescia Successore Brescia-Stemma.png
Gianni Panella 1992 - 1994 Mino Martinazzoli I
Mino Martinazzoli 13 dicembre 1998 - 14 aprile 2008 Adriano Paroli II