Paolo Avitabile

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Paolo Crescenzo Martino Avitabile

Paolo Crescenzo Martino Avitabile (Agerola, 25 ottobre 1791Agerola, 28 marzo 1850) è stato un generale italiano del Regno delle Due Sicilie.

Figura emblematica della scena politica internazionale del XIX secolo, la sua carriera iniziò in epoca napoleonica sotto le insegne del re di Napoli Gioacchino Murat, servendo da sottufficiale d'artiglieria. Dopo la dissoluzione dell'impero napoleonico venne incorporato nel Real Esercito delle Due Sicilie col grado di primo tenente, distinguendosi per le sue ottime doti militari.

Dopo aver servito nell'esercito delle Due Sicilie trascorse due lunghi periodi in Oriente. Nel primo periodo si trovò in Persia; nel secondo, dopo un breve rientro in Italia, divenne generale dell'esercito sikh di Ranjit Singh insieme a Rubino Ventura e in seguito governatore e generale delle truppe di Peshawar. In questa città venne conosciuto con il nome di Abu Tabela, soprannome ancora diffuso in quelle zone.

Al momento dell'insediamento del generale Avitabile, l'Afghanistan era in balia di continui scontri e disordini. Quando l'avventuriero italiano prese il potere usò il pugno di ferro e metodi punitivi esemplari, riuscendo così finalmente a sedare le rivolte e i crimini: i ladri ed i briganti catturati venivano sbrigativamente squartati, gettati dall'alto dei minareti, impalati o impiccati.

Rientrò nel Regno delle Due Sicilie nel 1844. In Francia venne insignito da Luigi Filippo della Legion d'onore.[1] Morì intossicato dalle esalazioni di un braciere nella casa che aveva fatto costruire nel paese natale, con il sospetto che si trattasse di un delitto mascherato da incidente.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Il giovane Avitabile cominciò a prestare servizio militare nel Regno di Napoli tra il 1807 e il 1809, entrando poi a far parte all'artiglieria dell'esercito regolare. Come parte dell'esercito imperiale, Avitabile fu al fianco di Gioacchino Murat in diverse campagne fino alla sconfitta di Waterloo. E così riuscì a conseguire il grado di tenente e ad avere il comando della batteria 15. Dopo la caduta di Napoleone Bonaparte e la sconfitta di Murat a Tolentino, Napoli fu riconsegnata a Ferdinando I delle Due Sicilie. Avitabile, mantenuto il suo rango e di ufficiale, si arruolò nell'esercito del nuovo Regno delle Due Sicilie.

Durante questo assedio mostrò grande coraggio e venne ferito due volte. Il generale austriaco che comandava l'operazione lo propose per una promozione ed una decorazione, ma non fu ascoltato. Avitabile fu trasferito, invece, come tenente in un reggimento di fanteria leggera. Si dice che disgustato da questo trattamento mise fine alla sua carriera europea per prendere la via del "soldato di ventura" in Oriente.

Dopo aver concluso l'esperienza nell'esercito delle Due Sicilie, Avitabile iniziò la sua carriera all'estero. La sua idea iniziale era, come altri militari italiani del tempo, quella di cercare fortuna in America, ma i suoi progetti americani terminarono in un naufragio al largo di Marsiglia. Successivamente gli fu consigliato di tentare la fortuna in Asia: a Costantinopoli fu avvicinato da un agente dello Scià persiano Fath Ali Shah intento a reclutare ufficiali europei per l'esercito del proprio paese, e fu così che nel 1820 Avitabile prese servizio presso lo Scià di Persia. Prestò servizio in Persia per sei anni, periodo durante il quale fu promosso prima al rango di Khan e poi a quello di generale della riserva.

Qui incontrò Claude Auguste Court che fu il suo compagno di viaggio nel Punjab in seguito ai successi ottenuti dal suo amico Jean-Baptiste Ventura in quella regione. Seguendo le orme di Ventura riprese a marciare verso est. L'ambizione di Avitabile portò nel 1827 il generale napoletano al comando delle truppe del maharaja Rajit Singh, fondatore dell'impero Sikh. Avitabile riuscì abilmente a riorganizzare le truppe del maharaja, fondò la città di Wazirabad e, nel 1835, divenne governatore di Peshawar, pericolosa zona di confine in guerra con i ribelli afghani della maggioranza pashtun. Qui l'Avitabile impose la sua disciplina ferrea con metodi feroci: il suo pragmatismo fu brutale, ma riuscì infine a domare la porzione di Afghanistan sotto il suo controllo. I suoi metodi crearono un tale clima di terrore che ancora oggi, per spaventare i discoli, le madri del luogo li minacciano evocando Abu Tabela, il soprannome di Avitabile in Oriente, similmente a quanto si fa con l'Uomo Nero in Italia.

Avitabile fu ricompensato per i suoi ottimi servigi con le più alte decorazioni persiane, come quella di Gran Commendatore dell'ordine Leone e del Sole, e di due leoni e della Corona. In quegli anni gli inglesi, spaventati dalla penetrazione russa in medio-oriente, decisero di occupare l'Afghanistan subendo una disastrosa sconfitta (per ironia della sorte causata da un reduce di Waterloo). Al secondo tentativo di invasione gli inglesi decisero di avvalersi dell'esperienza e dei mezzi del generale Avitabile, che risultarono infine decisivi per la vittoria dell'Impero britannico in Afghanistan.

I suoi contributi alla campagna inglese in Afghanistan gli permisero di mettere da parte una discreta fortuna presso la Banca d'Inghilterra. Quando decise di ritornare ad Agerola inoltre gli inglesi gli fecero dono di alcune vacche di razza Jersey, bovini che all'epoca non potevano essere esportati al di fuori del Regno Unito. Grazie a questi animali e alla sua intraprendenza egli diede origine alla razza "Agerolese", una vacca dalle eccellenti qualità, che ancora oggi è artefice della fortuna dei caseifici locali.

Nel 1844, al suo ritorno in patria, ottenne infine la scissione di Agerola dalla provincia del Principato Citra (l'attuale provincia di Salerno) e l'annessione a quella di Napoli: la città venne così separata dal territorio di Amalfi, con il quale aveva condiviso secoli di storia, rimanendovi legata unicamente per la giurisdizione religiosa comune.

Morì prematuramente a 59 anni, forse avvelenato dalla giovane moglie. Il suo notevole sepolcro si trova nella Chiesa di S. Martino a Campora, non lontano dalla sua casa natia. Un suo ritratto è esposto al Museo nazionale di San Martino a Napoli. [2]

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia)
Commendatore dell'Ordine del Leone e del Sole (Persia) - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine del Leone e del Sole (Persia)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Corriere del Mezzogiorno, Domenica 28 agosto 2011, pag. 11.
  2. ^ Corriere del Mezzogiorno, Domenica 28 agosto 2011, pag. 11

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Stefano Malatesta, Il napoletano che domò gli afgani, i narratori delle favole, Neri Pozza, 2002.ISBN 88-7305-875-2
  • Nicola Forte, Viaggio nella memoria persa del regno delle Due Sicilie, Imagaenaria, 2007

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie