Paolino Ranieri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Paolino Ranieri (Sarzana, 5 settembre 1912Sarzana, 3 giugno 2010) è stato un politico e partigiano italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Paolino nacque da padre manovale, che lo lasciò orfano a quindici mesi, e da madre che gestiva una merceria. In seguito si recò con la madre a vivere dai nonni materni. Il nonno, operaio in un biscottificio, era stato tra i fondatori della società di Mutuo Soccorso di Sarzana mentre la nonna gestiva un piccolo negozio di tessuti. All'età di 9 anni era stato testimone, seppur bambino, dei Fatti di Sarzana.

Per 20 anni, dal 1923 al 1943, fece il barbiere, e nel 1932 si iscrisse al PCI, diventando responsabile del gruppo giovanile di Sarzana e seguendo le direttive del partito sul lavoro legale, si infiltra nel Dopolavoro fascista, riuscendo a suscitare dei contrasti tra il vertice e la base. Nel 1937 venne arrestato, insieme ad altri 60 antifascisti, e condannato a 4 anni di carcere che, nel 1940, vengono condonati e viene sottoposto ad un altro anno e mezzo di libertà vigilata. Durante il processo davanti al Tribunale Speciale, a Roma, fece pubblica dichiarazione di fede comunista. Il 25 luglio 1943, con Barontini e ad altri, organizzò una manifestazione a Sarzana per la caduta del fascismo e il 9 settembre, vista l’inutilità dei tentativi di resistenza contro i tedeschi, si rifugiò sui monti per organizzare la lotta partigiana (nome di battaglia "Andrea”). Diventò Commissario prima di distaccamento e poi di brigata dal 9 settembre 1943 al 14 dicembre 1944, quando venne catturato dalle brigate nere. Ferito gravemente, venne rinchiuso per 4 mesi presso il XXI ° fanteria di La Spezia. Qui, seppure privo di cure, sfuggì fortunosamente alla morte. Partecipò alla liberazione di Sarzana, e assunse la carica di assessore nella Giunta della Liberazione presieduta da Anelito Barontini. Il 4 aprile 1946 venne eletto sindaco di Sarzana, carica che ricoprì per 25 anni fino al 19 maggio 1971 (il più lungo periodo consecutivo registrato); nomina grazie alla quale guidò la ricostruzione e lo sviluppo di Sarzana. Negli anni successivi aderì all'ANPI, del quale fu il presidente della sede locale, e all'ANPPIA, divenendone consigliere.

Il 3 giugno 2010 Paolino Ranieri morì all'età di 98 anni[1].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Morto l’ex sindaco di Sarzana Paolino Ranieri in Il Secolo XIX, 03 giugno 2010. URL consultato il 09-06-2010.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]


Predecessore Sindaco di Sarzana Successore Sarzana-Stemma.png
1946 - 1971 Anelito Barontini