Panthera leo spelaea

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Leone delle Caverne
Stato di conservazione: Fossile
Hoehlenloewe CaveLion hharder.jpg
Il Leone delle Caverne in un dipinto di Heinrich Harder
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Classe Mammalia
Ordine Carnivora
Famiglia Felidae
Genere Panthera
Specie P. leo
Sottospecie P. l. spelaea
Nomenclatura trinomiale
Panthera leo spelaea

Il leone delle caverne (Panthera leo spelaea) noto anche come leone delle caverne europeo o leone delle caverne eurasiatico, è una sottospecie estinta di leone del Pleistocene superiore, appartenente a un gruppo di sottospecie tipicamente adattate ai climi freddi che non ha lasciato discendenti contemporanei. È comunemente raffigurato nelle pitture rupestri delle tribù di uomini stanziatesi in Europa, segno di un evidente rapporto e scontro con questi grandi felini.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Scheletro di un leone delle caverne dalla miniera di Slouper vicino a Brno nella Repubblica Ceca.
Panthera leo spelaea

Nelle caratteristiche generali, questo leone non doveva differire significativamente dagli attuali, a giudicare anche dalle raffigurazioni ritrovate nelle grotte. Le sue dimensioni erano maggiori del 10% circa rispetto alle sottospecie contemporanee: ciò significa che la sua taglia media era paragonabile a quella degli individui odierni più grandi. Nonostante ci si riferisca spesso a questo leone come la sottospecie più grande, in realtà sia il contemporaneo leone americano che l'antenato comune di entrambi, il leone del pleistocene inferiore, raggiungevano dimensioni maggiori.

Le numerose raffigurazioni rinvenute sulle pareti e sulle volte delle caverne mostrano leoni simili a quelli attuali, con un mantello di colore uniforme e un ciuffo di peli all'estremità della coda; le orecchie sono piccole e arrotondate. La criniera, quando presente, è appena abbozzata con pochi tratti nella parte inferiore del collo: ciò ha portato alla deduzione che anche i maschi di questa sottospecie ne fossero praticamente privi, caratteristica, questa, che si ritrova saltuariamente anche in alcuni leoni odierni, come nel caso dei mangiatori di uomini dello Tsavo.

Comportamento[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante il nome italiano e il corrispondente inglese cave lion, è improbabile che questo animale vivesse nelle caverne. Il nome gli deriva piuttosto dal fatto che i suoi resti si trovano negli stessi siti in cui sono stati ritrovati fossili di un altro grande mammifero carnivoro, l'orso delle caverne, del quale forse predava occasionalmente i cuccioli, nonché dalla gran quantità di raffigurazioni del carnivoro, eseguite dagli uomini preistorici appunto sulle pareti delle grotte. Con ogni probabilità, il leone delle caverne preferiva i boschi di conifere e le zone aperte e steppose, nelle quali si trovavano le sue prede preferite, le renne, come dimostrato dal ritrovamento di impronte fossili di questi cervidi insieme insieme a quelle del grande felino[1].

Classificazione[modifica | modifica wikitesto]

È normalmente considerato una sottospecie del leone, con il nome scientifico di Panthera leo spelaea (che significa "leone delle caverne" in latino); ma è stato occasionalmente considerato una specie a sé stante con il nome di Panthera spelaea. Alcuni autori[2], basandosi sulla comparazione dei crani, considerano il leone delle caverne più vicino alla tigre, il che porterebbe al nome formale di Panthera tigris spelaea. I più recenti studi genetici[3] mostrano che il gruppo spelaea, pur potendosi inserire all'interno della specie Panthera leo, ha seguito una linea evolutiva diversa da quella del gruppo leo (leoni africani) e del gruppo persica (leoni asiatici), andando incontro all'estinzione.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Hublin, J.-J. 1984. The Hamlyn Encyclopedia of Prehistoric Animals. London: Hamlyn
  2. ^ Groiss, J. Th.Der Höhlentiger Panthera tigris spelaea (Goldfuss). Neues Jahrb. Geol. Paläont. Mh. 1996: 7:399–414.
  3. ^ Burger, Joachim et al. Molecular phylogeny of the extinct cave lion Panthera leo spelaea. Mol. Phylogenet. Evol. 2004; 30: 841-849.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi