Panthera leo krugeri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Leone sudafricano
White Lion.jpg
Panthera leo krugeri
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Carnivora
Famiglia Felidae
Genere Panthera
Specie P. leo
Sottospecie P. l. krugeri
Nomenclatura trinomiale
Panthera leo krugeri
Roberts, 1929

Il leone sudafricano (Panthera leo krugeri), talvolta chiamato leone del Transvaal, è la sottospecie di leone di maggior taglia e potenza che ancora sopravvive in libertà. I maschi pesano normalmente tra i 180 ed i 260 kg e sono lunghi 2,77 - 3,10 m, mentre le femmine non sono così grandi, avendo un peso di soli 181 kg.

Originariamente rivaleggiava nelle dimensioni con un'altra sottospecie, la quale viveva ancora più a sud, l'attualmente estinto in natura leone del Capo.

La sua distribuzione geografica comprende quattro Paesi del sud dell'Africa: Sudafrica (la maggior popolazione di leoni di questo Paese si incontra nel parco nazionale di Kruger), Swaziland, Zimbabwe e Mozambico. Talvolta si incontra anche in grande numero nel sud del Botswana, nel deserto del Kalahari, sebbene in qualche caso i leoni di quest'area vengano considerati come una sottospecie a parte, nota come leone del Kalahari (Panthera leo verneyi).

Leoni bianchi[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Leone bianco.

A questa sottospecie appartengono i cosiddetti leoni bianchi. Il leone bianco è un animale molto raro che attualmente vive in cattività per un numero totale di circa 200 esemplari. Nel suo habitat naturale è possibile trovarlo occasionalmente nelle regioni meridionali dell'Africa, in particolare nell'Riserva naturale di Timbavati, una piccola riserva presso il parco nazionale Kruger, in Sudafrica. Il leone bianco rappresenta una mutazione genetica della sottospecie Panthera leo krugeri e non si tratta di un animale albino, come potrebbe sembrare a prima vista. Ciò è riscontrabile negli occhi, che non sono rossi come quelli dei soggetti albini, ma presentano una normale pigmentazione come quella degli altri membri della specie. La causa della loro colorazione bianca è da ricercarsi in un gene regressivo, conosciuto come «inibitore del colore», lo stesso della tigre bianca, il quale fa perdere alla loro pelle e al loro manto la pigmentazione.

Immagini di leoni bianchi[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi