Pane di Altamura

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pane di Altamura DOP
Forno a legna (Altamura).jpg
Origini
Luogo d'origine Italia Italia
Zona di produzione Regione: Puglia, Altamura, Gravina, Poggiorsini, Minervino Murge, Spinazzola
Dettagli
Categoria piatto unico
Riconoscimento D.O.P.
Settore Panetteria e prodotti da forno
Consorzio di tutela http://www.panedialtamura.net/ Consorzio di tutela
Altre informazioni Reg. CE n. 1291 del 18.7.03 (GUCE L. 181 del 19.7.03)
 

Il pane di Altamura è un prodotto di panetteria tradizionale di Altamura, in provincia di Bari.

È ottenuto dall'impiego di semole (molto ricca di glutine) rimacinate di varietà di grano duro coltivato nei territori dei comuni della Murgia.

Nel luglio 2003, a livello europeo, al pane di Altamura è stato riconosciuto il marchio denominazione di origine protetta (DOP)[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Cotto nei tradizionali forni a legno e in pietra, il pane di Altamura si distingue per la sua fragranza e il suo sapore. Ha crosta croccante e una mollica soffice di colore giallo paglierino. Si presenta sotto due forme tradizionali; la prima denominata localmente «U sckuanète» (pane accavallato), è alta, accavallata, l'altra più bassa, localmente denominata «a cappidde del padre de simone» (a cappello di prete).

Zona geografica[modifica | modifica wikitesto]

L'area geografica delimitata dove sono coltivati i grani comprende i territori dei Comuni di Altamura, Gravina di Puglia, Poggiorsini, Spinazzola e Minervino Murge in provincia di Bari. E la zona di produzione del pane di Altamura comprende soltanto il territorio amministrativo del Comune di Altamura, in provincia di Bari.

Fasi di produzione[modifica | modifica wikitesto]

«Pane di Altamura» è un prodotto di panetteria ottenuto dal rimacinato di semola di grano duro, ricavato dalla macinazione di grani duri delle varietà «appulo», «arcangelo», «duilio» e «simeto» prodotte nel territorio delimitato dal disciplinare di produzione, da sole o congiuntamente in ragione almeno dell'80%, purché prodotte nel medesimo territorio. Il prodotto si ottiene secondo l'antico sistema di lavorazione che prevede l'uso di lievito madre o pasta acida — sale marino — acqua. All'atto dell'immissione al consumo deve presentare le seguenti caratteristiche: La pagnotta dal caratteristico profumo di peso non inferiore a 0,5 Kg, presenta due forme tradizionali, la prima delle quali, denominata localmente «U sckuanète = pane accavallato», è alta, accavallata, senza baciatura ai fianchi; l'altra più bassa, localmente denominata «a cappidde de prèvete = a cappello di prete», non presenta baciatura. La crosta deve possedere uno spessore non inferiore a 3 mm.; la mollica, di colore giallo paglierino, presenta una omogenea alveolazione; l'umidità non deve superare il 33 %.

Fototeca[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Regolamento (CE) n. N. 1291/2003 della Commissione del 18 luglio 2003 registrando una denominazione nel registro geografiche e delle denominazioni di origine protette – Pane di Altamura (DOP) - Gazzetta ufficiale dell'Unione europea L 181/12 del 19/07/2003.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]