Pandroseion

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 37°58′19.8″N 23°43′34.87″E / 37.972166°N 23.726354°E37.972166; 23.726354

Pandroseion
Santuario di Pandroso
Ricostruzione al computer del Pandroseion per come sarebbe apparso intorno al 421 a.C.
Ricostruzione al computer del Pandroseion per come sarebbe apparso intorno al 421 a.C.
Civiltà Antica Grecia
Utilizzo santuario
Localizzazione
Stato Grecia Grecia
Periferia Atene
Amministrazione
Patrimonio Acropoli di Atene
Planimetria dell'Acropoli di Atene: il Pandroseion è al numero 10 (in alto).

Il Pandroseion (Πανδρόσειον) o santuario di Pandroso era un santuario dell'Acropoli di Atene dedicato a Pandroso, una delle figlie di Cecrope, il mitico primo re dell'Attica. Occupava lo spazio adiacente all'Eretteo e all'antico tempio di Atena Poliàs.

Il santuario era un cortile murato trapezoidale contenente l'altare di Zeus Herkeios (protettore del focolare, del cortile) sotto l'olivo sacro piantato da Atena. A ovest vi era una stoà di ingresso dai Propilei. Nell'angolo nord-est vi era un elaborato ingresso per il portico nord e per l'intero complesso dell'Eretteo. A est vi era inoltre una piccola apertura attraverso la quale si poteva vedere la Talassa di Poseidone. Il sud-est dava accesso a ciò che alcuni ritenevano la tomba di Cecrope.

Il santuario conteneva anche l'olivo sacro che era stato presentato da Atena alla città, dopo la sua vittoria su Poseidone nella contesa per la terra dell'Attica.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]