Pandora Hearts

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Pandora Hearts
manga
Copertina italiana del primo volume.
Copertina italiana del primo volume.
Titolo orig. パンドラハーツ
(Pandora Hātsu)
Lingua orig. giapponese
Paese Giappone
Autore Jun Mochizuki
Editore Square Enix
1ª edizione giugno 2006 – in corso
Collanaed. GFantasy
Tankōbon 22 / 24 Completa al 92%.
Formato 13 × 18 cm
Pagine 178-202 circa
Censura no
Editore it. Star Comics
1ª edizione it. 2 novembre 2012 – in corso
Collanaed. it. Stardust
Volumi it. 21 / 24 Completa al 88%.
Formato it. 13 × 18 cm
Rilegatura it. brossura
Pagine it. 192, 208 (vol. 8, 17, 20)
Lettura it. originale (da destra a sinistra)
Censura it. no
Target shōnen
Generi commedia romantica, dramma, fantasy, thriller psicologico
Pandora Hearts
serie TV anime
I protagonisti Oz Vessalius e Alice.
I protagonisti Oz Vessalius e Alice.
Titolo orig. パンドラハーツ
(Pandora Hātsu)
Autore Jun Mochizuki
Regia Takao Kato
Studio XEBEC
Musiche Yuki Kajiura
Reti TBS, BS-TBS, CBC, MBS
1ª TV 2 aprile – 24 settembre 2009
Episodi 25 (completa)
Aspect ratio 16:9
Durata ep. 24 min
Censura no
Distributore it. Yamato Video
1ª TV it. 2015 – annunciato
Episodi it. inedito
Generi commedia romantica, dramma, fantasy, thriller psicologico
Pandora Hearts Omake
OAV
Titolo orig. パンドラハーツ
(Pandora Hātsu Omake)
Autore Jun Mochizuki
Studio XEBEC
1ª edizione 24 luglio 2009 – 25 marzo 2010
Episodi 9 (completa)
Aspect ratio 16:9
Durata ep. 3 min

Pandora Hearts (パンドラハーツ Pandora Hātsu?) è un manga shōnen ideato e disegnato da Jun Mochizuki. In Giappone i singoli capitoli sono stati pubblicati sulla rivista GFantasy a partire dal giugno 2006[1] ed entro aprile 2014 sono stati raccolti in ventidue volumi tankōbon[2]. Sul suolo italiano i diritti della serie sono stati acquistati dalla Star Comics, che entro novembre 2014 ha pubblicato ventuno volumi in tutto[3]. Un adattamento anime di venticinque episodi della XEBEC, acquistato dalla Yamato Video nel 2012[4], è stato trasmesso in Giappone dal 2 aprile al 24 settembre 2009[5]. Nove OAV sono andati in onda tra il 24 luglio 2009 e il 25 marzo 2010. L'opera trae alcuni nomi e/o appellativi dei personaggi da Le avventure di Alice nel Paese delle Meraviglie e Attraverso lo specchio e quel che Alice vi trovò di Lewis Carroll.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Personaggi di Pandora Hearts.

Oz Vessalius[N 1], legittimo discendente di una delle quattro grandi casate ducali, sta per diventare quindicenne e la sua vita trascorre tranquilla assieme a sua sorella Ada e al suo servo ed amico Gilbert. Unico neo l'assenza di suo padre. Tutto però cambia rapidamente poco prima della cerimonia per i quindici anni. Infatti durante una passeggiata con Ada e Gilbert, sentendo un carillon suonare, Oz decide di cercarlo e cade in una buca dove trova una lapide su cui è appoggiato uno strano orologio da tasca. Appena lo tocca viene trasportato in una specie di sogno, dove incontra una strana ragazza che giura di ucciderlo. Sembra però essere solo un'allucinazione, in quanto viene riportato alla realtà da Gilbert. Oz decide dunque di chiedere più tardi informazioni allo zio Oscar, che avrebbe fatto le veci del padre nella sua cerimonia di passaggio all'età adulta. Purtroppo per il giovane questo è solo l'inizio dei suoi guai e durante il rito, mentre proclama il suo giuramento, Oz risveglia l'orologio che non suonava da ben cent'anni e che secondo una leggenda avrebbe rotto il silenzio solo quando sarebbe arrivato il prescelto. Viene quindi aggredito da tre persone incappucciate, i Baskerville, che avevano preso il controllo di Gilbert e che lo pugnalano facendo cadere il suo sangue per aprire una via per l'Abisso. In quel momento arriva una ragazza di nome Alice che assomiglia a quella dell'illusione, ma che si rivela essere una chain chiamata B-Rabbit che ha intenzione di salvargli la vita. Tuttavia dopo un combattimento dice agli avversari che le avrebbero fatto un piacere buttando Oz nell'Abisso, essendo lui quello che "le manca". Quindi le persone incappucciate, dopo aver proclamato che il peccato di Oz è la sua stessa esistenza, lo gettano nell'Abisso.

In questo mondo oscuro viene attaccato da un'enorme creatura che lo vuole divorare e solo l'intervento di Alice lo salva. Stavolta Oz prova un vago sentimento nei suoi confronti, come una strana nostalgia, e decide di credere in lei. I due hanno in comune lo stesso scopo, quello di uscire dall'Abisso e così stringono un contratto che possa liberare i poteri nascosti della chain.

Lasciato questo luogo però Alice prende possesso del corpo di Oz e solo l'intervento di Raven, Break e Sharon salva il ragazzo liberandolo dal suo controllo sigillandone i poteri. Questo evento crea una strana alleanza in cui tutti sono alla ricerca di qualcosa: Oz vuole scoprire cosa lo leghi a questa strana ragazza e come liberarsi del contratto che lo porterebbe in breve tempo alla morte, Alice vuole recuperare i propri ricordi e Break desidera scoprire la verità sulla tragedia di Sablier, a cui la ragazza sembra collegata. Ma questo non è il solo gruppo ad essere interessato ai misteri nascosti nel passato di Alice e a ciò che cela l'Abisso: anche i Baskerville cercheranno con ogni mezzo di scoprire ciò e di trarne vantaggio.

Terminologia[modifica | modifica wikitesto]

Chain (チェイン Chein?)
Gli esseri provenienti dall'Abisso. Per poter mantenere la loro forma senza scomparire devono stringere un contratto con un contraente umano di cui consumeranno l'energia. Letteralmente il loro nome significa "catene", dato che ognuno di essi, come Alice, è provvisto di catene, ed il nome deriva dal tintinnio prodotto dal trascinamento delle stesse.
Contratto (契約 Keiyaku?)
Un accordo stipulato tra un chain ed un contraente. Il chain potrà essere richiamato in caso di necessità dal contraente ed in cambio sarà libero di uscire dall'Abisso senza scomparire. Esistono tre tipi di contratti. Quelli legali sono possibili solo con una tecnica sviluppata da Pandora, che può portare ad effetti collaterali come l'apparente eterna giovinezza. Quelli illegali vengono formati bevendo il sangue del Chain e pronunciando il suo nome. Se stretti da una persona normale, comportano l'apparizione di un sigillo a forma di orologio sul petto all'altezza del cuore del contraente, e quando questo avrà fatto un giro completo condannerà lui ed il chain alla parte più profonda dell'Abisso. La lancetta si muove ogni volta che il chain utilizza una certa quantità di energia. Se invece il contraente è un Baskerville, essendo stato stato scelto dall'Abisso, non subirà alcun danno e il sigillo sarà privo di lancetta[6].
Contraente (契約者 Keiyakusha?)
Un essere umano che ha stipulato un contratto con un chain. I contraenti illegali sono ricercati ed arrestati da Pandora. I motivi per cui un umano è spinto a legarsi ad un chain sono diversi, ma di solito lo scopo principale è quello di poter cambiare il passato.
Abisso (アヴィス Abisu?)
Il luogo da dove tutti i chain provengono. È una dimensione differente rispetto al mondo reale e il tempo non esiste al suo interno. Una persona che riesce a fuggire da questo luogo può trovarsi in un qualsiasi periodo temporale. Secondo Break l'Abisso può apparire come una prigione o una scatola di giocattoli rotta a seconda di chi lo guarda.
Volontà dell'Abisso (アヴィスの意志 Abisu no ishi?)
L'entità che governa l'Abisso. Di solito appare come un coniglio bianco insanguinato con dei grandi occhi demoniaci a vortice. La sua vera forma è simile ad Alice, ma con i capelli ed il vestito di colore bianco. Infatti è la sorella gemella di Alice.
Quattro grandi casate ducali (四大公爵家 Yondai koushaku ke?)
Le famiglie che esistono da prima della tragedia di Sablier e che posseggono ognuna una Porta per l'Abisso. Attualmente ne fanno parte i Vessalius, i Rainsworth, i Nightray e i Barma. I Vessalius e i Nightray operano in maniera totalmente opposta: se i primi operano pubblicamente, i secondi agiscono dietro le quinte occupandosi di ciò che deve essere tenuto nascosto. Prima della tragedia di Sablier i Vessalius erano solo una casata ducale di terza classe e quindi non facevano parte delle quattro grandi casate. Al loro posto c'erano infatti i Baskerville con a capo Glen, ma quando Jack lo uccise perché colpevole di aver dato origine alla tragedia di Sablier, i Vessalius vennero visti come eroi e li rimpiazzarono. I Baskerville sono comunque ancora in possesso di una Porta per l'Abisso.
Pandora (パンドラ?)
L'organizzazione creata dalle quattro grandi casate ducali per studiare l'Abisso.
Tragedia di Sablier (サブリエの悲劇 Saburie no higeki?)
La città di Sablier[N 2], fino a cento anni prima degli eventi narrati, era la capitale. Venne distrutta durante il cerimoniale di Glen per impossessarsi del corpo di Gilbert, quando Vincent aprì la Porta per l'Abisso. I Baskerville in quell'occasione iniziarono uno sterminio di massa per evitare che gli umani venissero trascinati nell'Abisso, nel quale sarebbero stati trasformati in Chain e non avrebbero avuto più la possibilità di reincarnarsi.
Porte
I ponti che collegano il mondo umano con l'Abisso. Ce ne sono cinque, di cui quattro sono sotto il controllo delle grandi casate ducali e la quinta è in possesso dei Baskerville. Nel capitolo 41 del manga viene rivelato che quest'ultima si trova proprio a Sablier.

Media[modifica | modifica wikitesto]

Manga[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Capitoli di Pandora Hearts.

L'opera è stata scritta e disegnata da Jun Mochizuki ed è stata serializzata sulla rivista GFantasy della Square Enix[1]. Ventidue volumi tankōbon sono stati pubblicati tra il 27 ottobre 2006[7] e il 26 aprile 2014[2] e l'ultimo di questi ha annunciato che il ventitreesimo sarà quello che porrà fine alla storia[8]. In Italia la serie doveva essere edita dalla Panini Comics sotto l'etichetta della Planet Manga a partire da aprile 2012[9], ma in seguito la casa editrice dichiarò che non sarebbe stata più lei ad occuparsi della pubblicazione di Pandora Hearts sul suolo italiano[10]. Successivamente la Star Comics annunciò infatti che avrebbe cominciato a pubblicare il manga nella collana Stardust da novembre 2012[11][12]. L'ultimo volume ad essere stato reso disponibile è il ventunesimo in data 5 novembre 2014[3].

La licenza del manga in lingua inglese fu acquistata inizialmente dalla Broccoli, ma poi venne lasciata decadere[13]. Da allora i diritti sono stati acquistati dalla Yen Press[14][15], che ha pubblicato il primo volume il 15 dicembre 2009[16]. L'opera è stata concessa in licenza anche alla Elex Media Komputindo in Indonesia[17] e alla Ki-oon in Francia[18].

Anime[modifica | modifica wikitesto]

L'anime di venticinque episodi e nove OAV è stato diretto da Takao Kato e prodotto dalla XEBEC nel 2009[5][19]. La colonna sonora è stata composta da Yuki Kajiura e le sigle sono state cantate dai Savage genius e dalle FictionJunction[20]. La serie televisiva è andata in onda in Giappone dal 2 aprile al 24 settembre 2009 ed è stata trasmessa sulle emittenti televisive TBS, BS-TBS, CBC ed MBS[21]. In Italia i diritti sono stati acquistati nel 2012 dalla Yamato Video[4], mentre in America del Nord NIS America ha pubblicato i DVD di Pandora Hearts, sottotitolati in inglese, il 26 ottobre 2010[22], serie di cui aveva annunciato l'acquisto l'11 febbraio dello stesso anno[23][24].

Episodi[modifica | modifica wikitesto]

Titolo italiano (traduzione letterale)
GiapponeseKanji」 - Rōmaji
In onda
Giappone
1 Calma innocente
「罪なき平穏」 - Tsuminaki heion
2 aprile 2009[25]
2 Tempesta di condanna
「断罪の嵐」 - Danzai no arashi
9 aprile 2009[26]
3 Il ragazzo smarrito ed il coniglio nero
「迷い子と黒うさぎ」 - Maigo to kuro-usagi
16 aprile 2009[27]
4 Rendezvous
「朝日影の場所」 - Asahikage no basho
23 aprile 2009[28]
5 Il senso orario del destino
「時計回りの悪夢」 - Tokei mawari no akumu
30 aprile 2009[29]
6 Dove mi trovo?
「食い違った現在地」 - Kuichigatta genzaichi
7 maggio 2009[30]
7 Colui che sussurra
「深淵からの呼び声」 - Shinen kara no yobigoe
14 maggio 2009[31]
8 Domanda
「隠者の問い掛け」 - Kage mono no toi kake
21 maggio 2009[32]
9 Maledizione
「呪いの言葉」 - Noroi no kotoba
28 maggio 2009[33]
10 L'oscurità avanza
「重なる影」 - Kasanaru kage
4 giugno 2009[34]
11 Un corvo sperduto
「堕とされた鴉」 - Otosareta karasu
11 giugno 2009[35]
12 Benvenuto nel labirinto
「鏡の国」 - Kagami no kuni
18 giugno 2009[36]
13 Il custode del segreto
「歪んだ記憶の住人」 - Yuganda kioku no juunin
25 giugno 2009[37]
14 Demone dall'occhio cremisi
「紅き隻眼の悪魔」 - Kouki sekigan no akuma
2 luglio 2009[38]
15 Parole per qualcuno
「誰がための言葉」 - Tagatame no kotoba
9 luglio 2009[39]
16 L'eroe ed il ragazzo
「英雄と少年」 - Eiyuu to shounen
16 luglio 2009[40]
17 Ciao sorellina!
「懐旧の旋律」 - Kaikyuu no senritsu
23 luglio 2009[41]
18 Eliot & Leo
「とある従者の死について」 - To aru juusha no shi ni tsuite
30 luglio 2009[42]
19 Un mare di lacrime
「涙の池」 - Namida no ike
6 agosto 2009[43]
20 Modulazione
「うつりゆく音」 - Utsuriyuku oto
13 agosto 2009[44]
21 Caos nella neve bianca
「純白のくろ」 - Junpaku no kuro
27 agosto 2009[45]
22 Rivalutazione della perdita
「失意の対価」 - Shitsui no taika
3 settembre 2009[46]
23 Lo stridere del mondo
「軋む世界」 - Kishimu sekai
10 settembre 2009[47]
24 Sensi di colpa
「憐れみの讃歌」 - Awaremi no sanka
17 settembre 2009[48]
25 Ripudiare l'altra parte di sé
「否定の彼方へ」 - Hitei no kanata he
24 settembre 2009[49]

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

La sigla d'apertura dell'anime, "Parallel Hearts", è stata pubblicata come maxi singolo il 29 aprile 2009 sotto l'etichetta della Victor Entertainment[50]. Nel singolo della sigla d'apertura delle FictionJunction sono inclusi i brani "Parallel Hearts" e "Hitomi no chikara" (ひとみのちから?), sia in versione cantata che strumentale, insieme ai testi, alle composizioni e agli arrangiamenti di Yuki Kajiura[51]. La prima sigla di chiusura è "Maze", pubblicata il 3 giugno 2009 sotto l'etichetta della Victor Entertainment[52], mentre la seconda è "Watashi wo mitsukete" dei Savage genius. Il primo album dell'anime, intitolato Pandora Hearts Original Soundtracks 1, è stato pubblicato l'8 luglio 2009 sempre sotto l'etichetta della Victor Entertainment[53].

Guide book[modifica | modifica wikitesto]

Una guida dal titolo Pandora Hearts Official Guide 8.5 mine of mine è stata pubblicata il 27 marzo 2009[54]. Il contenuto presenta una breve storia su Gilbert Nightray, una serie di illustrazioni e la romanizzazione ufficiale del cast di Pandora Hearts. In copertina vi sono Oz Vessalius e Gilbert Nightray insieme a un peluche di B-Rabbit. Una seconda guida, intitolata Pandora Hearts Official Guide 18.5 ~Evidence~, è stata pubblicata il 27 luglio 2012[55] e sulla copertina sono presenti stavolta Oz e Alice.

Drama-CD[modifica | modifica wikitesto]

Un drama-CD dal titolo Pandora Hearts drama-CD (PandoraHearts ドラマCD?) è stato pubblicato dalla Frontier Works il 21 dicembre 2007[56].

Differenze tra anime e manga[modifica | modifica wikitesto]

Nell'adattamento anime sono state apportate alcune modifiche alla trama:

Manga Anime Modifiche
Cap. 2 Ep. 2 Nel manga lo scontro fra Alice ed i Baskerville avviene unicamente all'interno dell'edificio, mentre nell'anime lo scontro prosegue anche all'esterno.
Cap. 4 Ep. 4 Nel manga il chain liberato dall'orologio da tasca assomiglia ad una marionetta, mentre nell'anime ha le sembianze di un riccio. I ricordi di Alice nel manga sono liberati da Oz che tocca da solo l'orologio, mentre nell'anime a toccarlo sono sia Oz che Alice.
Cap. 5 Ep. 5 Nell'anime la fioraia riacquista per alcuni istanti coscienza di sé, cosa che non accade nel manga.
Cap. 8 Ep. 7 Nel manga è Oz a sparare alla Volontà dell'Abisso che aveva assunto la forma di un coniglio bianco, mentre nell'anime è Gilbert a farlo.
Cap. 12 Ep. 10 Nell'anime il cadavere del padre di Phillipe viene trascinato nell'Abisso assieme al suo chain, mentre nel manga la scena non esiste e Vincent dice che spetterà a lui fare pulizia sul luogo dell'incidente.
Cap. 25 Ep. 18 Nell'anime Lotti rapisce sia Oz che Ada, mentre nel manga Oz solo la segue di sua spontanea volontà. Nell'anime Ada viene avvelenata e portata in spalla da Eliot per tutto il tempo, nel manga sviene solamente e rimane fuori da tutte le vicende che accadono nel passaggio segreto.

Inoltre gli ultimi tre episodi della serie animata rappresentano uno stacco praticamente netto dalla trama del manga, chiudendo l'anime con un finale piuttosto aperto. In questi tre episodi, tuttavia, sono state notate incongruenze numerose con la trama originale; quali la morte del Jabberwock e la presunta scomparsa del duca Zai Vessalius.

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

L'ottavo volume di Pandora Hearts si è classificato ventunesimo sui grafici di Tohan tra il 24 e il 30 marzo 2009[57] e diciannovesimo tra il 31 marzo e il 6 aprile 2009[58]. Il nono volume ha raggiunto il primo posto tra il 27 luglio e il 2 agosto dello stesso anno[59].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Annotazioni[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La pronuncia corretta della casata è stata rivelata nel volume speciale 8,5 del manga ed è "Vessalius".
  2. ^ La pronuncia corretta è "Sablier" ed è stata rivelata nel volume speciale 8,5 del manga. Tradotto dal francese in italiano significa "clessidra".

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (JA) :::: GFantasy :::: Pandora Hearts -月刊Gファンタジーオフィシャルサイト, Square Enix. URL consultato il 13 aprile 2010.
  2. ^ a b (JA) PandoraHearts 22, Square Enix. URL consultato il 12 maggio 2014.
  3. ^ a b Pandora Hearts 21, Star Comics. URL consultato il 15 settembre 2014.
  4. ^ a b Yamato video annuncia Pandora Hearts, AnimeClick.it, 7 settembre 2012. URL consultato il 12 maggio 2014.
  5. ^ a b (JA) テレビシリーズ「Pandora Hearts(パンドラハーツ)」 XEBEC - Pandora Hearts, XEBEC. URL consultato il 12 febbraio 2010.
  6. ^ Manga di Pandora Hearts, volume 20, capitolo 79
  7. ^ (JA) PandoraHearts 1, Square Enix. URL consultato il 12 maggio 2014.
  8. ^ (EN) Pandora Hearts Manga to End in Next Volume, #23 [Il manga di Pandora Hearts finirà col prossimo volume, #23], Anime News Network, 26 aprile 2014. URL consultato il 3 luglio 2014.
  9. ^ Lucca Comics 2011: Manga Invasion!, 29 ottobre 2011. URL consultato il 3 luglio 2014.
  10. ^ Planet Manga NON pubblicherà Pandora Hearts, 12 marzo 2012. URL consultato il 3 luglio 2014.
  11. ^ Torino Comics 2012: annunci Star Comics, 14 aprile 2012. URL consultato il 3 luglio 2014.
  12. ^ Pandora Hearts 1, Star Comics. URL consultato il 12 maggio 2014.
  13. ^ (EN) Blu, Boysenberry, Deux, DMP, Yen Announce Boys-Love Titles, Anime News Network, 29 ottobre 2007. URL consultato il 13 aprile 2010.
  14. ^ (EN) Hassler, Be still our Pandora Hearts! [Siate ancora i nostri Pandora Hearts!], Yen Press, 10 aprile 2009. URL consultato il 12 maggio 2009.
  15. ^ (EN) Sito ufficiale su Pandora Hearts della Yen Press, Yen Press. URL consultato il 12 maggio 2009.
  16. ^ (EN) Pandora Hearts Yen Press, Yen Press. URL consultato il 12 maggio 2009.
  17. ^ (ID) Pandora Hearts 1, Elex Media Komputindo. URL consultato il 5 marzo 2010.
  18. ^ (FR) Olivier Fallaix, PANDORA HEARTS CHEZ KI-OON, Animeland, 12 marzo 2010. URL consultato il 13 aprile 2010.
  19. ^ (EN) Pandora Hearts Manga to be Animated for TV, Anime News Network, 16 novembre 2008. URL consultato il 3 luglio 2014.
  20. ^ (JA) TBSアニメーション 「PandoraHearts」公式ホームページ/グッズ情報, TBS. URL consultato il 12 febbraio 2010.
  21. ^ (JA) TBSアニメーション 「PandoraHearts」公式ホームページ/放送情報, TBS. URL consultato il 13 aprile 2010.
  22. ^ (EN) Pandora Hearts Product Info, NIS America. URL consultato il 2 luglio 2014.
  23. ^ (EN) NIS America to release anime titles in North America [NIS America sta per pubblicare alcuni titoli anime nell'America del Nord], NIS America, 12 febbraio 2010. URL consultato il 12 febbraio 2010.
  24. ^ (EN) NIS America Licenses Toradora! as Its First Anime (Updated) [NIS America licenzia Toradora! come suo primo anime], Anime News Network, 11 febbraio 2010. URL consultato il 12 febbraio 2010.
  25. ^ (JA) 第1話「罪なき平穏」, XEBEC. URL consultato il 10 ottobre 2009.
  26. ^ (JA) 第2話「断罪の嵐」, XEBEC. URL consultato il 10 ottobre 2009.
  27. ^ (JA) 第3話「迷い子と黒うさぎ」, XEBEC. URL consultato il 10 ottobre 2009.
  28. ^ (JA) 第4話「朝日影の場所」, XEBEC. URL consultato il 10 ottobre 2009.
  29. ^ (JA) 第5話「時計回りの悪夢」, XEBEC. URL consultato il 10 ottobre 2009.
  30. ^ (JA) 第6話「食い違った現在地」, XEBEC. URL consultato il 10 ottobre 2009.
  31. ^ (JA) 第7話「深淵からの呼び声」, XEBEC. URL consultato il 10 ottobre 2009.
  32. ^ (JA) 第8話「隠者の問い掛け」, XEBEC. URL consultato il 10 ottobre 2009.
  33. ^ (JA) 第9話「呪いの言葉」, XEBEC. URL consultato il 10 ottobre 2009.
  34. ^ (JA) 第10話「重なる影」, XEBEC. URL consultato il 10 ottobre 2009.
  35. ^ (JA) 第11話「堕とされた鴉」, XEBEC. URL consultato il 10 ottobre 2009.
  36. ^ (JA) 第12話「鏡の国」, XEBEC. URL consultato il 10 ottobre 2009.
  37. ^ (JA) 第13話「歪んだ記憶の住人」, XEBEC. URL consultato il 10 ottobre 2009.
  38. ^ (JA) 第14話「紅き隻眼の悪魔」, XEBEC. URL consultato il 10 ottobre 2009.
  39. ^ (JA) 第15話「誰がための言葉」, XEBEC. URL consultato il 10 ottobre 2009.
  40. ^ (JA) 第16話「英雄と少年」, XEBEC. URL consultato il 10 ottobre 2009.
  41. ^ (JA) 第17話「懐旧の旋律」, XEBEC. URL consultato il 10 ottobre 2009.
  42. ^ (JA) 第18話「とある従者の死について」, XEBEC. URL consultato il 10 ottobre 2009.
  43. ^ (JA) 第19話「涙の池」, XEBEC. URL consultato il 10 ottobre 2009.
  44. ^ (JA) 第20話「うつりゆく音」, XEBEC. URL consultato il 10 ottobre 2009.
  45. ^ (JA) 第21話「純白のくろ」, XEBEC. URL consultato il 10 ottobre 2009.
  46. ^ (JA) 第22話「失意の対価」, XEBEC. URL consultato il 10 ottobre 2009.
  47. ^ (JA) 第23話「軋む世界」, XEBEC. URL consultato il 10 ottobre 2009.
  48. ^ (JA) 第24話「憐れみの讃歌」, XEBEC. URL consultato il 10 ottobre 2009.
  49. ^ (JA) 第25話(最終回)「否定の彼方へ」, XEBEC. URL consultato il 10 ottobre 2009.
  50. ^ (JA) TBS系アニメーション PandoraHearts オープニングテーマ Parallel Hearts [Singolo d'apertura "Parallel Hearts" di Pandora Hearts], Victor Entertainment. URL consultato il 12 maggio 2009.
  51. ^ (JA) Parallel Hearts/FictionJunction, Oricon. URL consultato il 12 maggio 2009.
  52. ^ (JA) TBS系アニメーション「PandoraHearts」エンディングテーマ Maze [Singolo di chiusura Maze di Pandora Hearts], Victor Entertainment. URL consultato il 5 luglio 2009.
  53. ^ (JA) TBS系アニメーション PandoraHearts オリジナルサウンドトラック1 [Colonna sonora originale di Pandora Hearts 1], Victor Entertainment. URL consultato il 10 luglio 2009.
  54. ^ (JA) PandoraHearts Official Guide 8.5 mine of mine, Square Enix. URL consultato il 3 luglio 2014.
  55. ^ (JA) Pandora Hearts Official Guide 18.5 ~Evidence~, Square Enix. URL consultato il 3 luglio 2014.
  56. ^ (JA) PandoraHearts ドラマCD [Pandora Hearts drama-CD], Frontier Works. URL consultato il 12 maggio 2009.
  57. ^ (EN) Japanese Comic Ranking, March 24-30 [Classifica fumetti giapponesi, 24–30 marzo], Anime News Network, 1º aprile 2009. URL consultato l'11 luglio 2009.
  58. ^ (EN) Japanese Comic Ranking, March 31-April 6 [Classifica fumetti giapponesi, 31 marzo-6 aprile], Anime News Network, 8 aprile 2009. URL consultato l'11 luglio 2009.
  59. ^ (EN) Japanese Comic Ranking, July 27-August 2 [Classifica fumetti giapponesi, 27 luglio-2 agosto], Anime News Network, 5 agosto 2009. URL consultato il 6 settembre 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Siti ufficiali[modifica | modifica wikitesto]

Articoli e informazioni[modifica | modifica wikitesto]